sabato 11 agosto 2012

L'Amuri Pazzu - Lucia Ognissanti



L'amuri pazzu

chiuri l’occhi e veni ccu mia.
avemu n’ notti china d’amuri,
ccu vucca duci ti rigalu
passiuni e puisia
e ‘stu cori to’ ‘mciamma.

n’ ciatari ascuta:
‘ u senti comu curri ‘u vento,
a peri scausi ti passu attàgghiu,
t’ arrifiliu, ti voto e ti rivoto.
‘u senti comu vampa u suli,
avvampa ‘ntr’ ‘o mezzu ‘u cori
un focu ranni.
‘u senti comu chiovi
e ‘na timpesta di carezzi supra lu to’ cori.

quannu l’unna junci furiosa
soro soro mi vasi l’occhi e li capiddi,
e ccu st’amuri pazzu t’nni fui.


Assittata

Assittata ca,
cu lu mari ’n frunti
ti paru..
sentimi ca ti dicu na cosa.

U suli miu quannu si curca
fa divintari u munnu scuru
scuru comu lu mi cori.
tegnu intra o cori un cuteddu
e stu cuteddu mi sta a dari la morti.
Si sapissi tu
quannu amuri ho pri tia
quannu tormenti m’hai datu
pri quantu tempo mai amatu?
ju lu saccio, e tu?
tu dicu..ju! Mai.

Allura sai chi ti dicu
ridammi lu cori miu
ridammi a libittà.






Era di notti


era notti,
sciusciava ventu di scirocco
mentri la luna s'affacciava 'n cielu
lu cori 'ngannasti.
-chi si bedda mi ricisti
'n puddira rara si!
capricciusa
cu l’occhi latri,
occhi ca sprufunnunu
intra a lu mi cori.
sciuri di cirasi
sciuri d’amuri
duci e bedda si.
poi pi manu mi pigghiasti
e intra la vita mia pi tantu
tempu ti cuccasti.
chi si bedda
t’amu sempri chiui
ju t’amu pri tutta
a vita mia.-

era di notti
e fu 'n bugia.


Lucia Ognissanti

Le poesie di Lucia sono la pura manifestazione dei suoi stati d’animo: si ritrovano sofferenza, felicità e soprattutto amore. Un amore carico di sensualità, intenso, talvolta irrazionale.
Sono una banditrice di sogni d’amore, dice di se stessa, e nel momento in cui ho iniziato a scarabocchiare su un foglio bianco, tutto il rosso che avevo dentro è iniziato a sgorgare.
Una poesia d’impulso, quindi, che muove dall’emozione più profonda e si fa espressione di un sentimento che, libero dal giogo di una versificazione forzata, riesce a esternarsi in modo spontaneo, naturale, dando sfogo all’intima necessità comunicativa dell’autrice.
Essenzialmente naif, le poesie di Lucia parlano direttamente al cuore: sono istintive, immediate, autentiche e trasmettono sensazioni a livello emotivo, senza dover necessariamente passare per la ragione.


Na litania

Canta 'na litania
canta pri tia.
Quant’è vacanti u cori
senza l’amuri, anniricatu,
e ‘na ferita, cula sangu.
Pri fàrisi amari:
- ti porta ciauru di ficudinnia,
di zàira sciuruta e gersuminu
di lu me mari virdi,
e la passioni a inchiri lu cori-
N’avìri scantu
fimmina sugnu china di ducizzi,
'u jornu ca mi duni lu to' amuri
pri tia farìa cosi i'pazzi.

Ma quannu m’incuntri non mi lassari…
si l’ancura mia.

11 commenti:

  1. " pri tia farìa cosi i'pazzi. "

    Me l'avessero mai detto, anche una sola volta, ammìa.

    RispondiElimina
  2. Trovare il mio nome in una casa privata( è che casa) mi emoziona.
    Casa posso scrivere, grazie Frame sei un grande.
    Molto bello questo blog( è un blog?) poi mi spiegherai come si fa ad entrare nella propria stanza.
    Grazie ancora
    Lucia

    RispondiElimina
  3. Poesia che incanta al primo sguardo, profuma e palpita. Quasi magica. Brava Lucia! :-))

    RispondiElimina
  4. Come viene ben sottolineato nella presentazione, anch'io percepisco le tue poesie come poesie d'impulso: istintive, immediate, che sanno comunicare l'amore carico di sensualità, che trovo espressione forte e sanguigna, caratteristica propria della tua terra di Sicilia.
    Serenella

    RispondiElimina
  5. Leggo ora la tua ERA DI NOTTI e mi ha catturata all'istante. Davvero bella! Hai un talento speciale per le poesie in siciliano. Complimenti! E continua a regalarci poesie così!

    RispondiElimina
  6. Ammia la seconda mi piace assai assai e ogni volta che la leggo mi piace più di pria ;.) Devi portare pazienza e non ridere del mio dialetto, perchè l'ultima persona che mi ha parlato in siciliano è stata mia nonna, pensa quanti anni sono passati. E poi si chiamava Bellassai di cognome ma per essere sicuri che si capisse di nome faceva Calistia, che in greco significa ugualmente, molto bella.
    Ciao

    RispondiElimina
  7. Lucia, mi sto innamorando delle tue poesie, spero che Frame ne pubblichi altre perché hanno un fascino particolare. sono molto in sintonia con il mio carattere e, come già ti ho detto, mi piace tantissimo questo dialetto, lo trovo "caldo" ciao e brava!

    Ciao Carla

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti.
    Anch'io amo le poesie in dialetto, forse le mie non saranno in perfetto siculo, ma riescono a darmi una carica particolare.
    Grazie ancora

    RispondiElimina
  9. Mi sto innamorando di questo tuo filone... Tra l'altra trovo che abbia una notevole carica di sensualità.
    Vai avanti a deliziarci :-)

    RispondiElimina
  10. Ogni tanto clicco la mia stanza, così per aprire le finestre e far entrare il sole della mia terra.Ed ecco che trovo un'altra mia poe inserita.
    Non mi abituare male Frame, lo sai che poi divento appiccicosa.
    Grazie ancora è un piacere leggersi e leggere delle belle penne.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il siciliano proprio non lo capisco e probabilmente non sono il solo.
      Forse sarebbe opportuno aggiungere in calce un minimo di glossario...
      Sid

      Elimina