martedì 5 febbraio 2013

Marilena - Io e Lucia - silloge




Io e Lucia
Nella foto
Pensieri arrugginiti
I gatti di gennaio
Come si conviene

6/02/2013
etichetta: la stanza di Marilena


Io e Lucia 


Lucia raduna i morti in un cassetto
lascia che parlino tra loro
l’argomento è ostico,

lei prepara un nido, dice che i passeri
avranno freddo, non crede alla clemenza
del buon Dio.

Tra me e il suo cuore c’è una coda di gente
in attesa però ci alziamo presto
come se avesse nevicato.







Nella foto 


Io e mia sorella abbiamo i piedi uguali
e il cuore, bucato nello stesso punto

ci confondono spesso non si vede
che lei è buona, so mentire

come in quella foto dove rido
e accanto sono tutti morti.











Pensieri arrugginiti 


Oggi nel cuore ho un ricordo di cane
un latrato mite che picchia contro i muri
rugginosi.  E  ti chiedo se mangi

se dormi, se va tutto bene, per assonanza
per quella volta in cui non rispondevi
e fuori morivano di fame anche le oche.

















I gatti di gennaio 

Si appoggia sulle spalle la stanchezza di gennaio,
le carcasse dei gatti, non avranno esequie
- scoloriranno - e l’ultimo a passare
non se ne accorgerà di averle calpestate.

Hanno tagliato il bosco, quello prima del mare
Anna, dovremo cambiare le poesie
e posizione delle sedie. Ma sai, importa poco,
ho un figlio che sa piangere di gioia.







Come si conviene

Qui, tra una nebbia e l’altra i ragni
presidiano gli angoli, pazientemente
senza nessuna astuzia

a tavola i pasti sono brevi , il piatto unico
e se faccio il pane  è solo per sentito dire
ché la farina è una questione di fortuna

anche qui. Le domande hanno avuto
degna sepoltura,  il rito è stato pagano
io ero in ginocchio ma senza santi in croce.

Dopo abbiamo bevuto, come si conviene
ai buoni funerali, con vino ottimo
d-annata


15 commenti:

  1. “Lucia raduna i morti in un cassetto “
    “L’argomento è ostico”, lo dici te stessa nella prima poesia, ma poi il tema della morte, anche in senso metaforico suppongo, lo ritroviamo in tutte le poesie di questa raccolta.
    “…come in quella foto dove rido e accanto sono tutti morti.” Nella Foto di gruppo parlando ancora di questa sorella Lucia, immagine reale o frutto della fantasia, o presenza nell’anima?
    “…e fuori morivano di fame anche le oche.” In Pensieri arrugginiti, che tra l’altro è ostica da capire.
    “…le carcasse dei gatti, non avranno esequie” In gatti di Gennaio.
    “…Dopo abbiamo bevuto, come si conviene ai buoni funerali, con vino ottimo d-annata” Nell’ultima, Come si conviene.
    Mi piace l’apparente semplicità del lessico con la quale sai creare figure e situazioni complesse, intriganti, mai banali, e mai scontate. Un modo di fare poesia il tuo che credo possa farsi apprezzare un po’ da tutti, gli amanti del classico e gli appassionati delle nuove tendenze. Il detto e il non detto miscelati in giuste proporzioni. Ho scelto le nature morte di Morandi che mi infondono una tranquilla e cosciente rassegnazione che ho percepito nelle tue parole, e soprattutto perché le figure, le immagini, come nelle tue poesie, non hanno contorni netti e ben delineate, e dove i colori spesso sono quelli freddi dell’inverno, evanescenti e scusami tanto, pallidi e smunti come la morte.
    Benvenuta Marilena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco per l'ospitalità trovo che le tue scelte in fatto di quadri siano perfette.
      Un caro saluto
      Marilena

      Elimina
  2. Ero curiosa, non ricordo di aver mai letto nulla di tuo, ma se dovessi averlo fatto, il mio io si sarà rifiutato di ricordarle.
    Sono depressa per conto mio, sarai brava non metto in dubbio, io sono la meno adatta a commentare i poeti.
    Ma le tue sono così cimiteriali che batti i poeti inglesi alla grande.
    Fra la tv che sta trasmettendo qualcosa su Alfonsine Duplessis (la traviata per capirci) e i tuoi versi...
    Scusami, da un po' di tempo in qua dico quello che penso, ovviamente inimicandomi il mondo.
    Buonanotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh hai mica torto cara Elisa, a rileggerle tutte insieme sono davvero deprimenti.
      Giuro che nella vita sono l'esatto opposto, piuttosto rindanciana insomma :-))
      Forse scrivo in questo modo per contrapposizione.
      Grazie per il tuo passaggio.

      Elimina
  3. splendide Marilena, qualcuna l'hai postata al club dei poeti, sicuro la prima, la terza. Ci torno con calma, ti piace De Angelis per caso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patti, si le ho messe anche nel club.
      Non sono una patita di De Angelis, prediligo Raboni, De Luca e soprattutto la lettura di poetesse come la Szymborska, la Cavalli, Silvia Bre ecc.

      un caro saluto

      Elimina
    2. Raboni era l'altro che avevo in mente....:-)

      Elimina
  4. Serenella Tozzi6 febbraio 2013 00:50

    Nelle tue poesie ho notato il tono pacato e i riferimenti a perdite che ci parlano di morti oscure, di cui non conosciamo precisamente i riferimenti, ma ci riportano, comunque, alla caducità umana in generale.
    Nel tutto appare con nitidezza, a mio avviso, la ribellione verso questa fragilità umana, verso la fugacità del tempo che carpisce persone e momenti di vita.
    Sono certo poesie che si fanno notare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serenella, vedo la morte come una sorta di comunione, un traguardo che accomuna tutti i viventi, la tragicità di una perdita si scontra con la sua ineluttabilità, il dolore che ci strazia viene in qualche modo lenito dalla consapevolezza che non è la morte il peggiore dei mali che afflige questo mondo.
      HO avuto un periodaccio, persone care che se ne sono andate ed anche amici a quattro zampe, a volte la morte è l'unica difesa contro lo strazio di certe malattie da cui non c'è salvezza.
      Comunque credetemi sono e resto una persona positiva ed ottimista. Le poesie mi aiutano a scaricarmi dalle negatività.
      Un caro saluto

      Elimina
  5. ah marilena, come sei brava...

    RispondiElimina
  6. Sì, qualcuna la ricordavo anch'io. Ma leggerle tutte insieme è stato ancora più bello. Le hai ben accorpate. Tutte scorrono seguendo un filo logico.
    La cosa che spesso mi colpisce nelle tue poesie è questo dolore composto, enorme ma rassegnato.
    Bravissima davvero.

    RispondiElimina
  7. Complimenti Signora! Encantado

    RispondiElimina
  8. accidenti, mi ero perse queste piccole perle di poesia... complimenti...

    RispondiElimina
  9. Anche qui sono stata vergognosamente assente, grazie di cuore a tutti :-)

    RispondiElimina
  10. Serenella Tozzi14 aprile 2014 19:25

    Le sto rileggendo e vorrei aggiungere che le trovo di una grazia encomiabile. Molto belle.

    RispondiElimina