domenica 12 maggio 2013

Daniela Fontana - poesia - silloge




Sul filo del rasoio

- Scontro a perdere
- Bianco shockink
- Sull'ultimo grido dell'alba




13/05/2013
etichetta: la stanza di Daniela Fontana


Scontro a perdere


È facile e rassicurante credere nei valori
difficile farne vessillo. Perché - quando
si cade - ti aggrappi sui greppi con le
unghie e anche coi denti se possibile
ma l’abisso è a due passi - lo sai -
e come serpente incantatore ti ammalia
e ti alita nelle orecchie, sul collo
e lo senti soffiare, subdola calamita.

Sfiori il baratro e ti piace essere
in bilico. C’è più sapore e le notti
insonni hanno il fascino dell’inferno.





Bianco shocking


Avrò tempo e modo di svuotare
l’attesa, di far sì che il vocio nei corridoi
il rumore metallico di rotelle e piatti
l’andirivieni di camici bianco shocking
possano diventare blocco immagine.

Perché quando perdi un attimo la rotta
tiri fuori fiori colorati dalla manica. E dal
cilindro, altro che conigli!

E meno male…
che è lì che si ergono le tue doti. Quelle
che a pensarci non avresti detto mai!





Sull’ultimo grido dell’alba


Poter rovesciare barattoli di colore
ingrigiti da un’attesa illegittima
e guardarli mentre vomitano sfumature
e toni e gradazioni che si perdono lungo
scale infinite, altissime da toccare l’ultima
stella dell’orsa maggiore. Poter dire che
anche oggi è passato, che tutto può riprendere
come prima e lasciarsi alle spalle scene mute,
isteriche, drappi di cemento che non si schiodano
ma restano pesanti, immobili a offuscarti la vista.
E sentire quel sottile benessere scivolare nelle
intercapedini e riempirle di sangue nuovo.
Fiore scarlatto imperla – dunque - le ultime gocce
di una notte che non vuole finire e rendila istante.
Sull’ultimo grido dell’alba.

17 commenti:

  1. Poesie prosastiche che esprimono molto bene e in modo chiaro uno stato di disagio, d’incertezza. Stare sul filo del rasoio, vivere in equilibrio instabile e precario. Non resta che aggrapparsi con le unghie e con i denti alle poche certezze rimaste. C’è tanta voglia di combattere, il desiderio di reagire e di non subire passivamente. Belle tutte e tre

    RispondiElimina
  2. Se penso a quanto letto stamani su altro sito, qui ci sarebbe da spellarsi le mani per la soddisfazione. Brava Daniela!

    RispondiElimina
  3. Serenella Tozzi14 maggio 2013 13:18

    Tre poesie sulla vita, sul modo di viverla ed affrontarla.
    Sono poesie che dicono. La terza poesia, personalmente la sfoltirei un po', mi riferisco in particolare al riferimento all'orsa maggiore.
    Le trovo anch'io delle belle poesie prosastiche.

    RispondiElimina
  4. Che peccato.
    Chissà cosa voleva comunicarci d'importante l'Autrice.
    D'altra parte quando il lettore manca di fantasia come lo scrivente non c'è niente da fare.
    Sid

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Continuo...:
      Però mi son sovvenuto di < Il filo del rasoio >
      di Maugham W. Somerset, un bel mattone letto a 16 anni.
      Sid

      Elimina
  5. Grazie a tutti. Franco, Salvo, Serenella e Sid (dai, che qui non è che ce ne vuole poi tanta di fantasia!).
    Scritte in momenti non proprio facili, ma dietro l'angolo, per fortuna, ad aspettarci c'è sempre, se ci si crede, un'alba nuova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho lette ieri e, come dice scollo, mi sono servite per disintossicarmi dalla mediocrità che proprio ieri è apparsa su un altro sito. Non è che uno possa pretendere chissà che, ma un minimo sindacale dovrebbe essere garantito al povero lettore.
      Grazie Daniela...per un giorno mi hai riconciliato con la Poesia.

      Elimina
    2. Mamma mia che bel complimento! Grazie Mauri, davvero.

      Elimina
    3. In realtà è tutta una tattica (mi piace, tuttaunatattica), per farti sentire in debito di complimenti qui, e di stelline altrove ahahah, Scherzo ovviamente. E poi, a chi gioverebbe...
      Grazie a te, comunque, cara Daniela

      Elimina
  6. Sono poesie legate fra loro dalla sofferenza fisica e dalla forza di affrontarla mantenendo saldo lo spirito.
    Bianco shocking è quella che formalmente preferisco per mio gusto personale

    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sofferenza può essere non solo fisica, ma comunque... sì, in tutti i casi affrontata mantenendo saldo lo spirito.
      Ciao Marilena e grazie del tuo passaggio.

      P.S. Formalmente è quella che preferisco anch'io.

      Elimina
  7. Una silloge molto...silloge, questa. Tre composizioni in fila, l'una che sfuma nell'altra, tutte molto sentite, umane, prive del timore di esporsi, aperte nel guardarsi allo specchio senza usare indulgenza. Non manca mai l'istinto, la voglia di sperare, il risvolto che fa restare a galla.
    Belle soprattutto le prime due e bene tutto globalmente.
    Sono prosastiche, però ;-)

    Un saluto.

    Franco "Pale"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il fatto che siano prosastiche è un vero problema...

      Grazie Franco, di me cogli sempre il lato aperto, senza fingimenti. E questo mi fa molto piacere.

      Elimina
  8. Sì, sì... sono prosastiche ma giuro che non lo dico più :-))))

    Ho letto anch'io il tuo commento, cara Daniela, e mi sono sentito in colpa. Non lo faccio più, non lo faccio più... da oggi poesie e... basta!
    Però io non ho niente contro quel genere di poesie, e non avevo assolutamente intenzione di denigrare. Ma questo tu lo sapevi, la mia era soltanto una battuta.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no Franco, dai. Non ce l'avevo mica con te in particolare? E, in verità, non ce l'avevo proprio con nessuno. E' stata solo una mia riflessione perché spesso mi capita di leggere tra le righe la bistrattazione della cosiddetta poesia prosastica.

      Tutto a posto, dunque.

      A presto.

      Elimina
  9. ciao Daniela, tre poesie molto intense,l'ultima l'ho preferita alle altre perchè più corposa e musicale.Complimenti e grazie, era da tempo che non leggevo poesie così spontanee e immediate.

    RispondiElimina
  10. Ciao Chiara e grazie anche a te per l'attenzione.

    RispondiElimina