domenica 29 settembre 2013

Storia di un pescatore da Le mille e una notte (Novelle arabe) - Adesso in EBOOK


Le mille e una notte
Novelle arabe

STORIA D’UN PESCATORE

Una volta eravi un pescatore vecchissimo, e sì povero, che appena guadagnava di che mantenere la sposa e i tre figli. Egli tutti i giorni andava alla pesca nel fiume, e un giorno mentre ritirava le reti alla riva intese qualche resistenza; pensò che doveva esservi del pesce, le tirò con gran pena. Pur pesce non ve n’era: ma vi trovò un vaso di rame giallo, e osservò che era chiuso e suggellato col piombo, avente l’impronta d’un sigillo.

Giorgio Caproni - Luciano Erba - Angolo della poesia - Settembre 2013

ALBA

Amore mio, nei vapori di un bar
all’alba, amore mio che inverno
lungo e che brivido attenderti! Qua
dove il marmo nel sangue è gelo, e sa
di rifresco anche l’occhio, ora nell’ermo
rumore oltre la brina io quale tram
odo, che apre e richiude in eterno
le deserte sue porte?... Amore, io ho fermo
il polso: e se il bicchiere entro il fragore
sottile ha un tremitìo tra i denti, è forse
di tali ruote un’eco. Ma tu, amore,
non dirmi, ora che in vece tua già il sole
sgorga, non dirmi che da quelle porte,
qui, col tuo passo, già attendo la morte.

Dal blog poesia e scrittura di Giuseppe Porreca

Questa poesia è contenuta ne Il passaggio di Enea (1956). Lo stile è malinconico, la scrittura di versi fitta, senza pause, come se l’autore volesse dire in fretta quel che ha nell’animo, prima che la morte giunga o che tutto finisca. In questa poesia è presente la sua idea di sonetto “monoblocco”, mentre la fluidità del verseggiare è resa utilizzando ampiamente gli enjambement.
Il senso della fine incombente appare spesso nelle poesie di Caproni. La morte si palesa prima nella figura della fidanzata scoparsa precocemente, Olga Franzoni; più tardi, negli anni ’50, sarà presente la madre, Anna Picchi, cui Caproni dedicherà gli splendidi Versi livornesi presenti ne Il seme del piangere. Sarà un ricordo privo di retorica, affatto melodrammatico, eppure vivido, non occultato dietro forme ermetiche o, peggio, dietro un inutile pudore…

venerdì 27 settembre 2013

L’ITALIA IN CAMMINO : in caso di separazione dei coniugi e in assenza di un’intesa, sarà il giudice a stabilire a chi affidare l’animale?


SPIGOLANDO QUA e LA'
di
Salvo Scollo


Trascrivo il trafiletto comparso su un quotidiano nazionale poco tempo fa:
Stop alle liti per decidere chi si terrà il gatto o il cane tra le coppie che si lasciano.
Una proposta di legge presentata dalle deputate del PDL Maria Vittoria Brambilla e Giuseppina Castiello ipotizza infatti un’integrazione al codice civile affinché, in caso di separazione dei coniugi e in assenza di un’intesa, sia il giudice a stabilire a chi affidare l’animale.

il Post it di Rubrus - Stephen king - IL RE... E ME. ALCUNE PERSONALI OSSERVAZIONI SU STEPHEN KING


Come ha scritto (mi pare) Oreste del Buono, esiste qualche tenue possibilità che Voi non conosciate Stephen King. E' invece impossibile che Lui non conosca Voi.
Se non avete letto un suo libro, avrete visto un film tratto da uno di essi (peccato che il più delle volte siano vere schifezze), alle volte anche senza saperlo.

giovedì 26 settembre 2013

martedì 24 settembre 2013

Siddharta (17) Pensieri cinici quotidiani

A) - Martellamenti.
Le litanie liturgiche non sono altro che mantra noiosi e ripetitivi atti ad intorpidire ed istupidire la mente, provocandone una sorte di stordimento ipnotico.
A ben vedere la solita tecnica dei furbacchioni della psiche.
Non altrimenti dai mesi-anni di attuale martellamento politico su tutti i fronti, per nascondere incapacità e nullismo.

B) - Niente di nuovo sotto il sole.
La logica matematica è semplicemente l’applicazione del ragionamento alla matematica, cioè la ricerca e spiegazione dei fenomeni che vi presiedono.
Il logico matematico Piergiorgio Odifreddi, spingendosi nel nostro campo, ha sottolineato che, contrariamente alla scienza, in letteratura s’è già detto tutto da millenni.
Tanto che oggi non si fa altro che rimasticare in altre parole e concetti la stessa minestra.
Che abbia ragione?
Lao-tzu ( VI sec. a. C. ) sentenziava << Chi sa non parla, parla chi non sa >> ( strettamente legato all’altro suo motto << chi sa fa, chi non sa insegna >> ed al nostro << chi vuole vada, chi non vuole mandi >> ).
Un Padre del deserto ( IV sec. d. C. ) ebbe a dire  << Chi conosce Dio non ne parla, ne parla chi non lo conosce >>.
Esempi di contaminazione culturale filosofico-storico-religioso trascinatisi nel tempo: niente di nuovo sotto il sole ( Bibbia 1,9 . Poi passato nel latino < nihil novi sub sole > ed ora nell’italiano ).

C) - Famiglie numerose.
L’attuale Ministra per l’integrazione e le politiche giovanili Kashetu Kyenge vanta 39 fratelli per via di padre.
Non è che anche certe italiane siano state da meno.
Caterina da Siena ebbe 22 fratelli, tra cui alcuni gemelli, compresa lei.
Però fu più fortunata: mentre gli altri vennero dati a balia, lei fu allattata dalla madre per oltre un anno.
Malgrado questa fortuna alimentare, pensò bene di ammazzarsi di digiuni e penitenze, morendo a 33 anni ( 1347/1380 )…

SIDDHARTA
23.9.2013

Invenzioni e disinvenzioni – Gaiman e Asimov, due autori a confronto - Post it di Rubrus


25/09/2013
etichetta: il Post it di Rubrus

lunedì 23 settembre 2013

ANTIPATICO, NON AVRAI IL MIO CUORE (da “Il cretino in sintesi” di Fruttero e Lucentini)


Spigolando qui e là
di   
Salvo Scollo

In un paragrafo dal medesimo titolo, gli autori discutono sui trapianti, chiedendosi se sia giusto donare a chicchessia i propri organi.
Riporto testualmente:
… Si presentarono alla nostra immaginazione dozzine, centinaia di persone, di intere categorie di persone, alla cui sopravvivenza non ci sentiremmo assolutamente di contribuire con i nostri organi.

domenica 22 settembre 2013

GRAND CANAL HOTEL - Racconto di Sergio Boldini


23/09/2013
etichetta: la stanza di Sergio Boldini


Grand Canal Hotel

 Il salone era pieno di gente. I tavoli bianchi di ricami. Posate rilucenti. Candele accese. Due grossi lampadari con le gocce di Murano penzolavano dal soffitto come alberi di Natale capovolti. Sulle pareti grandi quadri con le cornici dorate: laguna al tramonto, Canal Grande, piazza San Marco, le calli.
   Il tavolo apparecchiato per due. Rumore di sedie spostate. Marlène con le spalle alla sala. Lucia di fronte, la schiena al muro tappezzato di rosa. Le mani allungate sulla tovaglia a cercarsi. Dita nervose, strette, quasi a far male.

venerdì 20 settembre 2013

I 10 migliori racconti nel tempo secondo Tessa Hadley


Nadine Gordimer afferma che i racconti dovrebbero 'bucare la pagina”. Ecco dieci tra le storie più appassionanti di sempre.


Leggere racconti è un'impresa ardua, ma in questo risiede molta parte del loro fascino.
Ci si può perdere nella lettura di un romanzo, mentre nel caso di un racconto, vista la sua brevità, si ha sempre la sensazione che la fine sia vicina piuttosto che lontana. Questo fa sì che l'immersione mantenga sempre un margine di consapevolezza. Il lettore riconosce i limiti della finzione narrativa, e la sua natura.

giovedì 19 settembre 2013

Siddharta (16) Pensieri cinici quotidiani

A) - Martellamenti.
Le litanie liturgiche non sono altro che mantra noiosi e ripetitivi atti ad intorpidire ed istupidire la mente, provocandone una sorte di stordimento ipnotico.
A ben vedere la solita tecnica dei furbacchioni della psiche.
Non altrimenti dai mesi-anni di attuale martellamento politico su tutti i fronti, per nascondere incapacità e nullismo.




martedì 17 settembre 2013

Le profezie di ISAAC ASIMOV - Ernesto Pavese


Il rapporto di Isaac Asimov alla Fiera Mondiale di New York del 1964 pubblicato in quell'anno dal N. Y. Times:

Per l’occasione il Times chiese a Isaac Asimov, maestro della fantascienza e professore di biochimica all’Università di Boston, di immaginare il mondo nel 2014, ovvero 50 anni dopo. L’articolo, dimostra quanto le previsioni dell’autore fossero fondate; alcune di queste sono anzi sorprendentemente azzeccate.


Omaggio a Miguel Ángel Gómez Martínez.


La ORQUESTA SINFÓNICA DE RTVE interpreta la obra de Modest Mussorgsky "Cuadros de una Exposición", arreglada por Maurice Ravel, bajo la dirección 
de Miguel Ángel Gómez Martínez.

Intermezzo...



Voi non vi sentite mai brutti?
Corso gratuito - breve - sicuro di autostima 
in cinque lezioni.

lunedì 16 settembre 2013

BENIAMINO GIGLI - DI STEFANO - PAVAROTTI : Un confronto di voci - Ulisse1972


17/09/2013
etichetta: Musica lirica


Nel precedente intervento, sull'opera Traviata, avevo parlato di un confronto di voci, ecco allora alcuni esempi che potranno dare un'idea sulle differenti capacità interpretative rimanendo nell'ambito dei grandi cantanti.

venerdì 13 settembre 2013

Siddahrta (15) La mietitura - "Ipermodernismo infuturato" in nome del quale si compiono scempi scellerati - Il pavimento marmoreo del Duomo di Siena





A) – La mietitura.
Quest’estate, a mietitura compiuta, ho guidato un gruppo scolastico delle medie in un’azienda agricola locale.
Per prendere atto de visu della complessa lavorazione dei campi.
Il fattore ebbe diligentemente a spendersi spiegando per filo e per segno la successione delle operazioni di raccolta, dal dissodamento, alla semina, al taglio meccanizzato, alla spigolatura.

Cittadino a 4 zampe-Chi educa chi?” Salvo Scollo


SPIGOLANDO QUA E LA’

DIRITTI  NEGATI

L’Associazione *** onlus della mia città ha organizzato una serie di incontri aventi come tema “Cittadino a 4 zampe-Chi educa chi?”
Il volantino così proseguiva:
Gli argomenti trattati saranno: la relazione uomo-cane; il gioco come strumento educativo; tecniche di obbedienza base, tecniche di autocontrollo.

giovedì 12 settembre 2013

Omaggio a Reinhard Keiser (9 Gennaio 1674 - 12 settembre 1739)


Reinhard Keiser (9 Gennaio 1674 - 12 settembre 1739) è stato un popolare tedesco operista con sede in Amburgo . Ha scritto più di cento opere . Johann Adolf Scheibe (iscritto nel 1745), lui un pari considerato Johann Kuhnau , Georg Friedrich Händel e Georg Philipp Telemann (anche associato con il Teatro dell'Opera di Amburgo ), ma il suo lavoro è stato in gran parte dimenticato per molti decenni. (Wikipedia)

Arminio Franco - Galleria di Poeti Contemporanei - ovvero - Poeti del XXI° secolo dall' A alla Zeta


Franco Arminio
(Bisaccia, 19 febbraio 1960) 

“Mi butto nel cesso appena mi sveglio
Lo faccio ormai da molti anni.
Quello che porto in giro
è l’uomo che non vuole morire
il fesso che sbaglia i baci e gli abbracci
Ma ora ho un metodo nuovo
torno all’antico
Primo principio
non sapere cosa dico.”

martedì 10 settembre 2013

Scott Fitzgerald, sua moglie Zelda e il "Diamante grosso come il Ritz"


11/09/2013
Etichetta: Salotto 2013

Il diamante più grosso del Ritz non è soltanto una favola per adulti: è una delle tante perle di Scott Fitzgerald scritte per le riviste del tempo e solo per denaro. Hemingway le considerava uno spreco di talento, un vero delitto letterario, “ma non poteva combattere contro il più grande affetto di Fitzgerald, e il suo più grande tarlo emotivo e psicologico, sua moglie Zelda.”

«Mutano i cieli, non i crucci, per chi attraversa i mari» Séamus Heaney


Séamus Heaney

Scavando
Tra l'indice e il pollice
Ho la penna.
Scaverò con quella.


lunedì 9 settembre 2013

Siddharta (14) Visioni - Corrono cattivi tempi per dittatori dei Paesi ricchi.- Pensieri cinici - Siddharta



Visioni.

A) – Ero in quel di Rimini, un’estate.
Avvenne che in albergo calasse un gruppo di adolescenti difficoltati, seguiti da monitori specializzati.
Una sera una  di loro con fare trionfante mi apostrofò: < Signore, lo sa che la scorsa notte mi è apparsa la Madonna? >.

domenica 8 settembre 2013

Airaghi Alida - Galleria di Poeti Contemporanei - ovvero - Poeti del XXI° secolo dall' A alla Zeta


Alida Airaghi,
nata a Verona nel 1953,
laureata a Milano in Lettere classiche, è vissuta e ha insegnato a Zurigo dal 1978 al 1992. Secondo il critico Alfonso Berardinelli: "... Un caso di poeta realmente esistente ma quasi introvabile, perché editorialmente in esilio, è quello di Alida Airaghi. Per Filippo La Porta: "appartata, antimondana, inclassificabile...una delle voci poetiche più rilevanti dell'attuale panorama italiano".

“L’Ambetto”, una giocata che permette di sperare in un premio di consolazione - Salvo Scollo

SPIGOLANDO QUA E LA'

Da L’Arena del 4 settembre.

AMBETTO oggi puoi vincere se ci vai vicino     

Lottomatica ha allargato da poco la famiglia del Lotto con una chance in più, “L’Ambetto”, una giocata che permette di sperare in un premio di consolazione.
Puntando su una coppia di numeri al Lotto, aggiungendo la giocata su “Ambetto”, si vince se esce almeno uno dei due più il precedente o il successivo dell’altro.

venerdì 6 settembre 2013

A volte ritornano : Sophie Hannah resuscita Hercule Poirot!


Hercule Poirot ritorna nel 2014

La scrittrice inglese Sophie Hannah, acquisiti i diritti dai nipoti di Agatha Christie, scriverà le avventure del piccolo uomo col cranio ad uovo e un paio di baffi sottili.

6/09/2013
etichetta: Salotto 2013

giovedì 5 settembre 2013

Siddharta (13) Calligrafia: la bella scrittura sviluppa le abilità visive, motorie e costruttive dell’individuo. - Il tirapiedi e lo "Spiedo"


Lo spiedo.
Lo spiedo è il piatto tipico delle mie parti.
Però con uccelletti proibiti, costine di maiale, pollo, patate, salvia, polenta giallo-scura e vino rosso generoso.
Tornato ad Itaca, Ulisse venne accolto dal suo fedele servitore Eumeo con un piatto allo spiedo.

RICICLAGGIO di Rubrus - narrativa - racconto


05/09/2013
etichetta: la stanza di Rubrus

Il diritto di non finire il libro. Pennac e il "club dei libri senza fine" L'abbandono senza rimpianti.


Guest post
El club de los libros interminables


Il club del libro senza fine

- 'Ulisse', 'Moby Dick' o 'Il Signore degli Anelli' sono alcuni dei titoli più abbandonati
- Le ragioni per cui gettiamo la spugna disegnano il cambiamento dei modelli di lettura globale
- Per i lettori, il peggior difetto di un romanzo è quello di essere lento.

martedì 3 settembre 2013

Anedda Antonella - Galleria di Poeti Contemporanei - ovvero - Poeti del XXI° secolo dall' A alla Zeta



Antonella Anedda (Anedda-Angioy),
Roma 22 dicembre 1955

poeta e saggista. Si è laureata in storia dell´arte moderna e ottenuto la borsa di studio di Alta cultura presso la Fondazione Cini. Ha insegnato presso l´Università di Siena-Arezzo e presso il Master di Anglistica dell´Università La Sapienza di Roma. Ha pubblicato i volumi di poesia: "Residenze invernali" (1992) e "Notti di pace occidentale" (1999) "Il catalogo della gioia" (Donzelli) e nel 2007. "Dal balcone del corpo" (Mondadori, 2007) ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui il premio Napoli con cui è stato eletto libro dell´anno. […] Dal 2011 tiene la rubrica "Isole" sulla rivista on-line Doppiozero.  http://www.usi.ch/personal-info?id=1352

In-certe circo/stanze - Maurizio - racconto


3/09/2013
etichetta: la stanza di Maurizio - narrativa

Siddharta (12) Quelli che... sono sempre allegri perchè hanno la zucca vuota - La Trimurti indiana e la Trinità cristiana - Il martirio di Mansur Al-Hallaj- Pensiero cinico quotidiano - Siddharta


Un tale ha scritto < è meglio alzarsi tardi il mattino, così da avere meno tempo per pensare alle proprie ed altrui disgrazie >.
Di mio aggiungo: che sfortuna per gli umani il non cadere in letargo, magari per sei mesi…

lunedì 2 settembre 2013

Il mestiere del traduttore - Tradurre alla lettera oppure tradurre il senso? - Ernesto Pavese


Leggendo le traduzioni dei grandi scrittori 
stranieri s’impara a scrivere l’italiano?

O meglio, la lingua che troviamo in un testo tradotto in italiano, è la stessa che userebbe un italiano per scrivere un testo? E in particolare, di quale lingua italiana stiamo parlando?

domenica 1 settembre 2013

L'Angelo del bombolone - Marilena - racconto

2/09/2013
etichetta: la stanza di Marilena

Agosti Sivano - Galleria di Poeti Contemporanei - ovvero - Poeti del XXI° secolo dall' A alla Zeta


AGOSTI SILVANO
75 anni, 23 Marzo 1938, Brescia (Italia)

Si iscrive nel 1960 al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, dove si diploma nel 1962 con il cortometraggio La veglia. A Mosca, nel 1963, si specializza sull'opera di Ejzenstejn. Dopo aver lavorato con Marco Bellocchio in I pugni in tasca, nel 1967 esordisce nel lungometraggio con Il giardino delle delizie.