venerdì 29 novembre 2013

Siddharta (23) Pensieri cinici quotidiani

    *  Il corsivo.  
 Lo scrittore Rubrus, attivo in questo blog, ha pubblicato il seguente raccontino breve:
<< LINGUAGGI
Era la prima volta che li vedeva: una massa informe, caotica ed anonima di ormoni in subbuglio dentro vestiti improponibili. Ancora più all’interno, ragazzi.
Sogni, timori, rabbie, solitudini, amori, amicizie e tante altre cose. Non molto diverse dalle sue di un tempo, probabilmente. E, forse, non molto diverse da quelle di sempre, di tutti.
Che scrivessero, come primo tema, una lettera ad un amico.
Per sé, per l’amico, per lui. Per capire e capirsi.
Tempo: un’ora, anche se una vita non sarebbe bastata.
La sera, a casa, lesse il primo.
Uno qualunque, preso a caso dal mucchio.
“Caro Paolo, ti mando un sms”.  >>.
      
************************************
Racconto emblematico sui nativi digitali di oggi.
    Io invece sono figlio dei quaderni macchiati a furia di aste.
Alle elementari e medie poi tolleravano appena l’uso della tabellina pitagorica.
Anche quando presiedevo le commissioni ingegneristiche era ancora vietata la calcolatrice, e consentito solo l’uso del regolo calcolatore.
I tempi sono ormai cambiati e giustamente in meglio, penso.
Tanto che oggi in classe s’impiegano la calcolatrice ed il computer.
Perché ( e mi sembra illuminante ) consentono risparmio di tempo a tutto vantaggio di una maggior pensagione…
Naturalmente alla mia età sono ancora condizionato dalla scrittura corsiva.
Leggo invece che in U.S.A. i nuovi standard federali per i curricula scolastici hanno già abolito l’obbligo dell’insegnamento della scrittura a mano nei primi anni di scuola.
Per i bimbi quindi basta penna e calamaio, ma solo tastiere del p.c., dei tablet, del telefonino.
Il corsivo? Solo la firma…
Anche se studi scientifici hanno accertato che esso rafforza la memorizzazione.
In conclusione, evviva la comunicazione scritta via e-mail, social network, wiki, ecc.!

SIDDHARTA

30.11.2013


A) - Regali solo utili.
Oggi c’è un modo nuovo, facile e divertente per fare e ricevere regali.
Soprattutto per evitare quelli inutili e indesiderati.
Tramite Wishtagger (gratuito ), condividendo sui social d’abitudine il cadeau preferito e relative informazioni ( marca, prezzo, negozio, web, ecc. ).
Gli amici e i contatti ( e voi stessi per loro  ) possono così prenotarlo e acquistarlo senza tema di sbagliarsi, conservando l’effetto sorpresa.
Provare per credere.

B) - Poesia enigmatica.
L’assassino torna sempre sul luogo del delitto.
Eccomi quindi a ribadire certi personali convincimenti letterari.
Troppi aspiranti poeti contemporanei in forza di un mal riposto senso del modernismo amano versificare in modo misterioso.
Sottacendo l’oggetto del desiderio…
Come a dire < il perché ho scritto così e a chi/cosa mi riferisca è fatto mio del tutto personale >.
Ecco allora ritrovarci sott’occhio testi formalmente corretti ma insindacabili nel contenuto, con pericolose derive interpretative.
Dei sacchi vuoti afflosciati.
Volendo psicanalizzare, vi riconosciamo quei bambini che negano ai compagnuzzi il proprio giocattolo, quegli studenti che coprono il compito in classe per non farlo copiare al vicino, il  < no, tu no; perché? perché no >  di Iannacci…
Tornando a noi una certa forma di masochismo/sadismo poetico.
Allora perché scrivono?
Per un insopprimibile desiderio di riconoscimento sociale, per sentirsi qualcuno differenziato dalla massa indistinta, senza capire di riaffondare così nell’indistinto col loro atteggiamento.
In cambio ecco allora commenti veloci, ristretti, conformistici, una semplice cartolina di saluti da chi non ha capito un cavolo dell’illeggibile…

Siddharta
29.11.2013


A - Peek Vision.

Gli occhi fissi nella telecamera del telefonino, e zac l’esame della vista è fatto!
Con PeekVision, messo a punto da ricercatori di medicina londinesi.
L’app, compatibile con qualsiasi altro smartphone, consente un esame oculistico professionale diagnosticante ogni patologia dell’occhio.
Un comodo esame della vista anche per la scelta degli occhiali giusti… 


B - Talento.
Secondo Terry Brooks, scrittore U. S. A. di romanzi fantasy, l’abilità scrittoria non è tutto.
Il talento occuperebbe solo il 45° posto nella classifica per diventare scrittori di successo.
Al primo c’è la fortuna, al secondo la perseveranza, ecc.
Siete quindi tutti avvisati… 


C - Stupore.
Non riesco a capacitarmi di come i pensieri cinici quotidiani siano potuti durare fino ad ora.
Ero convinto che dopo una o due settimane mi sarei beccato i maturi pomodori in faccia di classica memoria
Perché quanto v’ho dicendo, l’ho sempre detto nella mia vita.
Pagandone le conseguenze nello studio, nella professionalità, nelle amicizie e parentado.
Tanto che vivo isolato questi ultimi anni, schivato da tutti nella vita di relazione.
Fin quando mi sopporterete, continuerò nell’impresa, Wm permettendo…

SIDDHARTA
28.11.2013


A - Capovolgendo.
Putin è giunto in Italia con volo Swissair e con undici suoi ministri (  quasi tutto il Governo ).
Papa Francesco dorme alla Domus S. Marta e mangia sempre in compagnia.
Capovolgendo, dai nemici mi guardi Iddio, che dagli amici mi guardo io.

B - Né come né quando.
Ci sono state date la ragione e la coscienza per avere contezza del sé e quindi soffrire maggiormente.
Se siamo a giorno del destino finale (  ma non come e quando ) con relativa infelicità, siamo stati però privati del conoscere il futuro intermedio, giorno per giorno.
Il che ci sarebbe stato molto utile…
E in ciò non v’è chi non veda la profonda irrazionalità del Supremo.
Allora come si può amare chi si è divertito a crearci nel tempo e nello spazio negandoci di vivere al meglio?
Ditemi voi se non ci sono motivi sufficienti per restare perennemente incacchiati!

C - L’ingegnere.
Ci avevo un collega che s’era messo in testa che il figlio Andrea dovesse fare l’ingegnere.
Ogni mattina lo svegliava alle cinque per provargli la lezione, che alla fine anche lui imparava a memoria.
Ma niente da fare: Andrea veniva regolarmente bocciato…
Però sapeva giocare bene al calcio.
Un giorno dissi al collega < Luigi, perché non lo iscrivi ad una associazione sportiva dedicata? >.
Lui torvo mi apostrofò < Ma dici sul serio o mi prendi in giro? >.
Da allora non se ne parlò più.
Va da sé che Andrea non divenne ingegnere e il padre per il dolore si ammalò e morì d’infarto prematuramente.
Ogni tanto lo penso e gli dico < Luigi, ti trovi bene dove stai? >.
Ma sempre mi risponde un profondo silenzio.

 SIDDHARTA
27.11.2013


A - Il prezzemolo.
La collega racchia e pimpante s’era messa in testa di farsi portare ( n.d.r. : a mie spese ) al ristorante cinese da lei frequentato.
Ci andammo un giorno e lei per tutto il pranzo si premurò di spiegarmi come e quando si dovevano mangiare le varie pietanze…
Poi in ufficio pretese di baciarmi.
Ma io restai fulminato da quel pezzetto di prezzemolo verde incastrato nei suoi denti…
Va da sé che non se ne fece niente.
Da allora portai sempre seco me dentifricio e spazzolini nuovi per l’eventuale bisogna!

B - La coscienza.
Gli animali hanno la coscienza?
Se penso a Isidoro, il mio amato bassottino nano a pelo raso, credo di sì.
Perché quando gli faccio i dispetti prolungati, dapprima mi dà un mozzichino di avvertimento con brontolio, poi se insisto un mozzicotto e infine un mozzicone rabbioso.
Al mio grido di dolore, cambia subito registro e mi lecca la mano a riappacificazione.
Se non è coscienza questa d’avermi fatto male…
Altro che istinto!
Bravo, Isidoro. 

C - La libreria.
A volte mi stupisco.
Mi sorprendo cioè della piccola biblioteca fitta in testa grazie ai lunghi anni di studio, lettura e di vita vissuta.
Una libreria che vado percorrendo giorno per giorno con questa rubrica di pensieri cinici quotidiani.
So di non sapere, ma spesso non so di sapere…
Perché sapete, chiunque non sa di sapere: ma basta un piccolo sforzo mnemonico e tanti tesori parcheggiati nel fondo della memoria vengono alla luce.

SIDDHARTA
26.11.2013


A - Incertezze.
I miei compaesani non si esprimono mai in punto di certezza, ma sempre in forma dubitativa:  parrebbe , sembrerebbe,
dicono ecc.
All’inizio non li capivo, pensando a motivi di ignoranza e furbizia contadina.
Poi col tempo ho realizzato che tali modalità espressive si fondavano su un  profonda saggezza popolare.
In fin dei conti cosa ci spinge al dir deciso, quando tutto in vita è così  incerto?
Cosa se non solo la nostra presunzione?
E allora non dicasi qui così come colà ove si puote ciò che si vuole.


B - Pronto…signorina.
La mia adorata Santippe, a suo tempo operatrice di telefonia, mi ha raccontato questi episodi della sua esperienza lavorativa, assurdi quanto veri:

*Pronto, signorina…
Il filo del telefono di casa mia è troppo lungo e mi impedisce.
Me ne può tirare un pezzo dalla sua parte?

*Pronto, signorina…
Mi può dare l’anticipo del diretto per Milano? ( N.B. : < il prefisso telefonico > ).

*Pronto, signorina…
Mio figlio ha il mestiere in piedi e non gli funziona ( nota: il telefono ). Può aggiustarglielo subito?

*Pronto signorina…
Mi dica la < costata >della mia telefonata…

*Al 116, segnale orario: < Signorina, sì.. sì… è inutile che mi ripeta sempre la stessa ora, l’ho già ringraziata…>.

SIDDHARTA

25.11.2013


A) - Il barattolo vuoto.
La madre partorisce con dolore.
Il neonato viene al mondo piangendo, presàgo del triste futuro.
Nessuno è contento della sua sorte, ancor peggio di morire.
Ma si può sapere chi diavolo mai s’è inventato questo vuoto barattolo umano da prendere a calci per puro divertimento?


B) - La bella voce.
Avevo un collega semi-delinquente ( lavorativamente parlando… ) che però aveva una voce flautata, che percorreva in tutti i timbri e registri possibili.
Quando nelle riunioni prendeva la parola, osservavo esterrefatto il femminile tutto pendente dalle sue labbra, estasiato ed entusiasta.
Immaginavo poi cosa potesse accadere al suo carnet d’appuntamenti…
Io purtroppo avevo sì le idee, ma supportate da tonalità caprine, e nessuna m’ascoltava.
Però ci ho avuto anch’io le mie belle soddisfazioni: quando in tv sentivo la sexy Antonella Elia intercalare con la sua voce sensuale  < Ma Mike… >, mi sentivo rimescolare fin nei precordi…






SIDDHARTA
23.11.2013



A) - Simbologia.
­­­­­­­
Le società segrete hanno tutte un codice interno di riconoscimento per palesarsi, al fine di evitare la curiosità  pericolosa del prossimo ( carboneria, massoneria, ecc. ).
Anche i cristiani dei primi secoli per  scampare ai pagani utilizzavano il simbolo stilizzato del pesce, il cui acronimo dal greco antico ( ἰχθύς  )  indicava la frase  < Gesù Cristo di Dio Figlio Salvatore >.
Naturalmente i lettori ne saranno ampiamente a giorno.
Lo dico solo perché recentemente ho avuto la ventura di incappare in un prete in veneranda età il quale, quando gliene feci cenno, cadde dalle nuvole…

B) - Qualcosa da dirmi.
Da sempre ogni volta che levo al cielo la voce del pensiero, mi torna un grande silenzio.
E’ una vita che ci provo.
Eppure sento che ha qualcosa da dirmi.
Cosa, non so.
Purchè quella risposta non abbia a distruggermi.
Ma presto, che il tempo rimastomi è poco.

SIDDHARTA

22.11.2013


Ammazza la vecchia… col flit!






Tralasciando le nuove generazioni che manco sanno cosa fosse il flit, oggigiorno parlare di vecchiaia suscita orrore e ripugnanza.
Riporta la giornalista Loredana Lipperini << La stessa parola vecchiaia è pronunciata di malavoglia: il saggio di Simone de Beauvoir ( < La vieillesse > ) è stato tradotto in italiano con < La terza età >.
Verso i cinquant’anni mia moglie ed io soccorremmo una diciottenne coinvolta in un incidente stradale.
Dai verbali della Polizia appurammo poi che secondo lei era stata soccorsa da due anziani coniugi…
D’altra parte io stesso, ventenne all’epoca lavorativa, giudicai il mio tutor di quarant’anni un sopravvissuto giurassico!
Intanto adesso mi sento un nonagenario diversamente giovane.
Marco Porcio Catone, quello della Carthago delenda est, a ottanta anni si accinse ad imparare il greco.
Per emularlo, io ho < attaccato > il computer a novanta.
E adesso sto insegnandone l’uso alla mia adorata Santippe…
Ed ora un po’ di statistica ( ISTAT – CNEL ):
- tra dieci anni un terzo della popolazione avrà più di 65 anni;
- già oggi ci sono 143 anziani su 100 giovani;
- bassa natalità: 1,41 figli per ogni donna;
- vita media in continuo aumento: 79,4 per gli uomini e 84,5 per le donne;
- aumento dei decessi per demenza e malattie nervose senili;
- nel 2011 solo il 56% dai 25/65 anni aveva un diploma superiore ( resto d’Europa: 73,4% ). Il 20,3% i laureati ( 34,6% la        media europea );
- nel 2012 il 50% degli italiani è andata in rete almeno una volta alla settimana ( attenzione però al pollo di Trilussa… ).

SIDDHARTA

21.11.2013



A) - Semplificazioni legislative.
L’offerta al pubblico di accesso ad internet è ora liberalizzata e non richiede più l’identificazione personale degli utenti.
Però resta fermo l’obbligo per il gestore di garantire la tracciabilità del collegamento.
Se non è zuppa è pan bagnato…

B) - Curiosità e paradossi scientifici.
Nell’Universo ci sono cento miliardi di galassie e soltanto la nostra galassia conterebbe cento miliardi di stelle.
A partire dagli ultimi trent’anni sono stati scoperti appena nove pianeti che potrebbero essere dichiarati abitabili secondo i nostri parametri.
Nei prossimi 50 anni si pensa di scoprirne forse altri mille-diecimila.
Tra i quali certamente uno uguale alla nostra Terra.
Comunque fino ad oggi è stato indagato solo il 4% del nostro Universo ( parrebbe ce ne siano tanti altri sparsi come bolle di sapone nell’infinito ).
Nel 2011 è stato assegnato il Nobèl per la fisica agli statunitensi Saul Perlmutter e Adam Riess e all’americano-australiano Brian Schmidt per la scoperta della
< dark matter > ( materia oscura= 23 % ) da non confondere con l’energia oscura ( 73% ).
Entrambe provato quindi che esistono, ma senza ancora sapere in che cosa consistono…

SIDDHARTA

19.11.2013

36 commenti:

  1. B) trovo sia la materia oscura sia l'energia oscura temi affascinanti su cui riflettere. Se ci si pensa abbastanza, è difficile astenersi da voli pindarici partendo da questi argomenti - anche se comunque è meglio astenersi, se si vuole rimanere in un'ottica scientifica.

    RispondiElimina
  2. Ho sentito parlare di uno scienziato che ha inventato una formula matematica in grado di determinare il numero dei pianeti simili alla terra. Un appassionato di matematica come te dovrebbe sapere di che si tratta e se ha un fondamento di verità.
    Comunque... credo si tratti dell'equazione di Drake, che se non sbaglio è stata scritta per teorizzare il numero delle civitlà extraterrestri esistenti nella nostra galassia. Però parlare di civiltà mi sembra esagerato, basterebbe trovare l'esistenza di una qualunque forma di vita... e il fattore tempo dove lo mettiamo? Credo che la "contemporaneità" sia un evento talmente raro da sgonfiare ogni previsione ottimistica.

    RispondiElimina
  3. sì è l'equazione di Drake e dovrebbe indicare il numero di civiltà estraterrestri con cui potremmo entrare in contatto.
    Si deve tenere conto, semplificando, (A) dei pianeti su cui si è sviluppata la vita e, tra questi (B) di quelli in cui si è sviluppata vita intelligente e, tra questi (C) dei pianeti su cui si è sviluppata una civiltà e, tra questi (D) quelli su cui si è sviluppata una civiltà tecnologica e tra questi (E) quelli su cui la civiità tecnologica è in grado di cominicare con noi.
    Le recenti scoperte di pianeti extrasolari di tipo terrestre tenderebbe (il condizionale è d'obbligo) a smentire i pessimisti secondo cui,nella galassia, il risultato dell'equazione è 1 (cioè esiste solo la terra come pianeta su cui è sviluppata una razza tecnologicamente abbastanza avanzata).
    Va precisato che l'equazione, infatti, è "gestibile" solo all'interno della galassia. Nello spazio ci sono miliardi di galassie e quindi è certo che ci siano civiltà tecnologiche in grado di comunicare e ciò in base ad un "semplice" calcolo statistico.
    Inoltre l'equazione presuppone che si possa definire con sufficiente grado di certezza concetti come "vita", "intelligenza", "civiltà", "tecnologia" ecc. Potrebbe non essere così pacifico.

    RispondiElimina
  4. E secondo gli scienziati del ramo, sia l'acqua che la vita sulla Terra sarebbero effetto della spandermia strisciante di qualche cometa.
    Come a dire che noi non siamo altro che polvere di stelle...
    Un bel sogno, vero?
    Sid

    RispondiElimina
  5. Verissimo. Anche se devo dire, da "appassionato" e non"tecnico" che la affascinante teoria della panspermia mi lascia un dubbio: ok, i "mattoni" della vita sarebbero arrivati sulla Terra a bordo di una cometa. Sì.. ma come ci sono arrivati sulla cometa? E' verissimo, tra l'altro, che, come composizione chimica, negli esseri viventi gli elementi non sono affatto nelle stesse proporzioni che riscontriamo nel suolo, ma, per esempio, nelle stelle.

    RispondiElimina
  6. L'avevo già postato, ma s'è cancellato. E allora insisto.
    Secondo il solito scienziato di turno, l'acqua e la vita sulla Terra sarebbero frutto della panspermia di stelle comete striscianti e/o meteoriti.
    Come a dire che siamo tutti e solo polvere di stelle.
    Sul resto, ha detto già tutto Rubrus.
    Sid

    RispondiElimina
  7. Sid, tu non sei diversamente giovane, tu SEI giovane, fai invidia per la tua vitalità linguistica e per la facilità con cui ogni giorno affronti argomenti diversi.
    ahhh come ti invidio Sid, sei una forza della natura...io ancora non ci credo all'età che dichiari di avere!
    simpatica/mente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue parole mi inorgogliscono.
      Non così la Commissione medica provinciale che scaduti gli 85 anni minacciosamente m'aveva detto < Adesso basta, la patente non gliela rinnoviamo! >.
      Poi, sai, gli acciacchi ci sono: l'oculista mi avrebbe proibito l'uso del computer per via della vista stanca.
      Ma io dico di sì e poi non l'ascolto.
      Una tecnologia così l'avevo sempre sognata ed ora non voglio farmela sfuggire.
      Cinquant'anni fa il C.E.D. dei miei uffici s'appoggiava ancora alle schede perforate, una vera rivoluzione per quei tempi...
      La Maria, la segretaria, batteva a macchina comparse e ricorsi per otto ore di fila e ci perse anche la salute.
      Ah, se ci fosse stato il copia-incolla...
      Fraterna/mente, Sid.

      Elimina
  8. Sid, non sono in grado di approvare o controbattere, aggiungere o togliere nulla ai tuoi scritti. Non sono preparata in materia. Però ti assicuro che leggerti è stato fantastico, mi hai regalato il buonumore a prescindere dagli argomenti, ed io adoro tutto ciò che mi lascia addosso e nell'anima tracce di allegria, soprattutto in questo periodo. Buona
    giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rossella, non darmi più credito di quanto meriti.
      Come già detto altrove, non faccio altro che riprendere il pensiero di terzi, forse dimenticato.
      Il mio contributo personale è del tutto trascurabile.
      Comunque anch'io trovo divertente ripercorrere le idee dei migliori.
      Affettuosa/mente.
      Sid

      Elimina
  9. Poco più di un decennio fa mi definivano un cinquantenne, adesso mi prendono per un ULTRASESSANTENNE, ma posso sapere perchè ULTRA?
    Il perchè lo posso intuire anche se non conosco il latino, ma non condivido lo stesso e poi, se un individuo è ritenuto valido per il lavoro fino a 67anni, perchè mai deve cominciare molto prima a considerarsi vecchio? Io su questa cosa proporrei una interrogazione parlamentare.:-)

    RispondiElimina
  10. "Perchè sei invecchiato male!!"

    Questo mi dice un tale con una email tempestiva... non c'è più rispetto nemmeno per l'ospite ;-)))

    RispondiElimina
  11. Non mi ricordo più quale scrittore francese dell'Ottocento scrisse "s'avanzava per la strada un vecchio quarantenne...". Altra dimostrazione che il tempo è relativo.

    RispondiElimina
  12. Ogni volta che levo al cielo la voce del pensiero,
    mi torna un grande silenzio.
    E’ una vita che ci provo.
    Eppure sento che ha qualcosa da dirmi.
    Cosa, non so.
    Purchè quella risposta non abbia a distruggermi.
    Ma presto, che il tempo rimastomi è poco.

    Se non sapessi che hai sette vite come i gatti,
    riusciresti persino a commuovermi.

    Poetica/mente :-)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco, secondo me invece c'è riuscito ad intenerirti - se non a commuoverti :-)))
      amichevol/mente
      ohh ci ha contagiato con questa cosa!!!

      Elimina
    2. Serenella Tozzi22 novembre 2013 16:13

      Un pensiero molto poetico, sono d'accordo anch'io.
      Piacevol-mente. :-)

      Elimina
  13. parole che hanno il sapore di poesia caro Sid
    mi hai commosso
    sommessa/mente

    RispondiElimina
  14. Di bene in meglio caro Sid, questa del barattolo è una poesia da conserva-re.

    :-)

    RispondiElimina
  15. La mia Pippa non c'è più. La gattina è finita tra le zanne del mio stupido cagnolone e dopo due giorni di sofferenze ci ha lasciati. Io spero vivamente che entrambi non abbiano avuto coscienza di quanto accaduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io amo visceralmente i gatti.
      Ma non posso tenerli per la forte allergia della mia adorata Santippe al pelo dei felini.
      Loro però sono molto prolifici ed avrai modo di sostituirla alla veloce.
      Sid

      Elimina
  16. allora Sid, per un eventuale invito a cena che ti proporrei, escludo le alici marinate :-))))))

    RispondiElimina
  17. Anche a me sorprende la tua perseveranza.
    Il tuo 100+100 PCQ resta comunque tra i post più letti, il che dimostra l’interesse di chi frequenta il blog anche in silenzio, e sono la maggioranza, quindi non ho motivo di lamentarmi ., anzi… forza e coraggio! Tanto il vantaggio di scrivere su un blog è che la carta e l’inchiostro non finiscono mai.
    Tecnicamente vengono postati in modo errato, infatti accumulandosi, senza il titolo, senza data ma solo in ordine cronologico, non vengono indicizzati da Google. Anche il salotto subisce la stessa sorte, ma pazienza, non si può fare diversamente. Ci vorrebbe un sito invece di un blog.

    RispondiElimina
  18. io mi stupisco che tu ti stupisca!!!
    la prima cosa che faccio alla mattina, appena accendo il computer, è proprio quella di andare a leggere i tuoi pensieri cinici (che poi cinici non sono)
    sempre curiosità interessanti e ti dirò di più, le faccio girare a piena voce qui in ufficio e, il risultato è che destano sempre clamorosi : ma davvero???
    buona giornata Sid s
    spero di leggerti per altri dieci lustri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia paziente Carla, il desiderio coltivato da ogni scrivente è quello di poter diffondere informazioni interessanti, meglio se utili.
      Nel nostro caso anche per la maggior fortuna del blog.
      Per il tuo generoso invito a cena ( v.supra ): la mia adorata Santippe ( più di 60 anni di matrimonio ) è ancora molto gelosa e non lo permetterebbe mai...
      Accontentiamoci allo di questo gradito e gradevole simposio letterario.
      Grazie anche dei tuoi auguri di lunga vita.
      Sid

      Elimina
    2. Che fortunata la tua cara Santippe, sarà sicuramente una donna eccezionale visti i tuoi gusti, credo senz'altro che sia ancora gelosa :-)))) ne ha tutte le ragioni!!
      mi sei veramente simpatico

      Elimina
  19. B) di Brooks ho letto tre libri, nel corso degli anni (il primo, me lo ricordo, mentre ero in ospedale con l'appendicite - allora si stava dentro una settimana) che compongono il c.d. "ciclo di Shannara".
    La cosa forse più singolare nell'opera di Brooks è il primo libro: "La spada di Shannara" (degli anni '70). La trama è praticamente uguale a quella de "Il signore degli anelli" di 20 anni prima, ma semplificata e "americanata". I due libri sono così simili che, in effetti, il vero mistero è come mai Christopher Tolkien - notoriamente incline a ricorrere alle carte bollate per tutelare i diritti di autore ricevuti in eredità dal padre - non gli abbia fatto causa. In verità i due libri successivi si discostano dal questa direi (anzi, lo dico) "scopiazzatura" e così penso gli altri (che però non ho letto).
    In realtà mi piacerebbe sapere quali sono gli altri quaranta requisiti per diventare scrittore, però su questa (mi pare tale, almeno) sottovalutazione del talento non sono d'accordo. Certo, ci vuole studio, perseveranza, fortuna ecc ecc. Soprattutto ci vuole passione (ma può esistere passione senza talento?). Ma se fosse vero quanto afferma Brooks, si potrebbe essere tutti scrittori e tutti uguali. In fondo è questo quanto affermano, più o meno apertamente, le scuole di scrittura - che su questo campano. Io ho una visione molto più artigianale e sono assai più incline a credere a Poe: "genius in twenty per cent inspiration and eighty per cent persipiration".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente Brooks parlava per esagerazione a risalto, posponendo così in basso il talento.
      Anch'io penso che senza talento non si vada da nessuna parte ( per usare un'espressione oggi abusata...), specie oltre oceano.
      Un esempio è dato dal perdurante successo in quelle plaghe dei tre giovani tenori italiani ( Il Volo ).
      Sid

      Elimina
  20. Serenella Tozzi29 novembre 2013 20:04

    B - Talento, perseveranza, fortuna, una bella accoppiata.

    A - E, così, con PeekVision i rapporti interpersonali si faranno sempre più radi. E, sì, ne avevamo proprio bisogno.

    C - Come sarebbe che non riesci a capacitarti di come i pensieri cinici quotidiani siano potuti durare fino ad ora? Ma se piacciono a tutti! Tu fai troppo il modesto, caro Sid. Però, evidentemente, fra lo scriverli e il predicarli forse cambia qualcosa... :-)

    RispondiElimina
  21. A proposito delle cosiddette poesie incomprensibili
    La tua è una opinione rispettabilissima, ma non sono d’accordo su un punto.
    Chi scrive poesie difficili da interpretare, definite molte volte e con troppa facilità incomprensibili, non è detto che lo facciano, uso le tue parole “Per un insopprimibile desiderio di riconoscimento sociale, per sentirsi qualcuno differenziato dalla massa indistinta, senza capire di riaffondare così nell’indistinto col loro atteggiamento.”
    Ma perché, quelli che scrivono ad ogni mal di pancia mattutino, quelli che sospirano davanti alle foglie gialle d’autunno, che si fanno venire la lacrimuccia ad ogni cra cra del gabbiano, quelli che rispettano gli endecasillabi, gli accenti tonici, le rime, secondo te sono tutti intellettualmente più onesti?
    Ma per favore…
    Al di là dei gusti personali e senza voler introdurre una polemica che ci accomunerebbe a certi siti che qui non voglio nominare, dobbiamo accettare il fatto che ci siano “poeti” i quali preferiscono suggerire emozioni attraverso l’uso di parole in modo poco convenzionale. Ci sono persone, e questo non oggi ma da sempre, che si rifiutano di raccontare i cavoli loro al mondo intero, ma sentono il bisogno di esternare le loro emozioni, e lo fanno fregandosene della metrica, dell’ambo, della terna, e della cinquina, e magari scrivono così anche per distinguersi, non nego che questo atteggiamento nasconda un certo compiacimento nel sentirsi al passo con i tempi, per orgoglio, per noia, per il successo e anche per civetteria, ma a questo punto una domanda mi sorge spontanea, e tu per chi scrivi, se non per la platea?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia è una battaglia che conduco da anni, anzi da sempre.
      Fin dall'università, quando < traducevo > i testi incomprensibili di certi professoroni in altri chiari e limpidi: le mie dispense andavano a ruba tra gli studenti che così capivano e memorizzavano meglio.
      Altrettanto facevo sul lavoro, mettendo i dipendenti a proprio agio.
      Così faccio anche ora: sì, scrivo per esser letto, ma senza fatica ed equivoci per il prossimo.
      Naturalmente rispetto chi non ci riesce, meno quelli che lo fanno apposta, forse perchè non hanno niente da dire ( Moro ai tempi era un campione di ermetismo, ma gli attuali politici non sono da meno: donde alla fine < ognuno dovrà assumersi le sue responsabilità >...).
      Per me non essere capiti o non farsi bellamente capire è il massimo della sconfitta letteraria, nel nostro caso.
      Poi sai, tot capita tot sententiae...
      Ma le polemiche no, mai e poi mai! Semplici opinioni e nient'altro.
      Simpatica/mente, Sid

      Elimina
  22. Sulla poesia sono d'accordo con il decano Siddharta, polemico col mondo.
    Io trovo le poesie un esercizio di esibizionismo. Non è vero che vogliono trasmettere le emozioni in modo aulico, per lo più sono esercizi asfittici che vorrebbero essere letterari e parlo di tutti in genere sia dei più noti autori moderni che dei piccoli.

    RispondiElimina
  23. Per certi ... versi sono con te.
    Che evidentemente non ami la poesia.
    Essa è semplicemente un altro modo espressivo, non sempre lirico, per compendiare il proprio pensiero.
    Per taluni, certo, diventa una vera e propria ossessione, una malattia da cui non vogliono guarire.
    Inseguendo un odioso esibizionismo per dichiarare il sè dinnanzi al mondo.
    Eccoli infatti percorrere tutte le plaghe possibili in cerca di promozioni e affermazioni pseudoletterarie.
    Come se servissero a renderli poeti, o meglio persone eccezionali...
    Sid

    RispondiElimina
  24. Ci sono due spunti in questo post che mi interessano.
    Quanto alla "comprensibilità" della poesia sono più incline a vederla come Sid che come il padrone di casa. Spesso mi sento dire che "la poesia non va capita" e allora alzo le mani. Il fatto è che a me, che sono capoccione, se qualcosa non dice nulla a livello razionale (spesso, per mia colpa, per mia stupidità) non dice nulla neppure ad altri livelli. Tendo a leggerla come "sies baros trapolorum" manzoniano, un "aqua fontis" alla Balanzone. Insomma ho un rapporto conflittuale con questo tipo di poesia. Non è cosa nè bella nè brutta nè argomento di polemica. E' un dato di fatto.
    Ci sono due tipi di incomprensibilità - quella che deriva dall'uso di parole strane, auliche (ma può essere superata, volendo, con un buon dizionario) e quella che deriva dallo scardinamento delle regole logico sintattiche (non dalla loro ignoranza, non mi spingo a dire questo). l'incomprensibilità del secondo tipo faccio davvero fatica ad accettarla. E, a ben guardare, si trova pure in prosa.
    Quanto al secondo argomento - ossia scrittura a mani o a macchina (computer) - in realtà la scrittura a mani sviluppa altre abilità.
    Allego questo link e poi, se non disturba, ci ritorno.
    http://www.staibene.it/salute/articoli/single_news/article/scrivere_a_mano_rende_piu_intelligenti_che_scrivere_al_pc/

    RispondiElimina
  25. Venendo all'alternativa scrittura a macchina / a mano e da buon immigrato digitale convinto che, presto o tardi, scadrà il permesso di soggiorno, penso che la risposta più qualificata sul punto potrebbe venire solo dai neuroscienziati che potrebbero dirci, per esempio, se le aree di Broca del cervello sono più stimolate dalla scrittura a mano o da quella a tastiera.
    Senza dubbio, scrivere a mano comporta lo sviluppo e la sollecitazione di attività differenti se non altro perchè vengono coinvolti muscoli differenti del corpo.
    Il punto è, allora, quali aree sia meglio sviluppare al posto di altre - ma non sarebbe meglio svilupparle tutte?.
    Ciò detto, credo sia meglio non affidarsi troppo ad un certo mito.
    Sarà anche vero che (dopo che hai imparato) scrivere su tastiera favorisce ed incoraggia la velocità del pensiero: pensi e scrivi, ma è anche vero, per mia esperienza, che ciò non necessariamente favorisce il raziocinio.
    Anzi, proprio perchè "immediata", la parola scritta parte dalla pancia ed arriva direttamente sullo schermo senza passare dal cervello. Una volta si diceva "apre la bocca e gli dà fiato. Oggi si potrebbe dire, "prende la tastiera e pigia i tasti". Le conseguenze però possono essere diverse - e spiacevoli - perchè scripta manent.
    Insomma, io credo che, almeno in una certa misura, l'uso di carta e penna favorisca la riflessione (e taccio del fatto che quando scrivi a penna non c'è mai un signore che si chiama "correttore ortografico" che ti salva da certe figure) e, anche a costo di elogiare la lentezza, dico che la penna non va affatto abbandonata (che poi si può scrivere a penna anche usando il pc). Come dice un vecchio adagio, la gatta frettolosa...
    .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ancora valido il detto < quando l'America starnutisce, l'Europa prende il raffreddore >?
      Attenzione, perchè < la moda > presto sbarcherà anche da noi, dicono gli esperti, U.S.A.-dipendenti come siamo.
      Mah, personalmente ho dovuto seppellire tante convinzioni travolte dai tempi.
      La tecnologia non potrà essere fermata.
      Intanto < noi vecchi > possiamo benissimo praticare il doppio tipo di scrittura.
      Ricordo Montanelli che non si staccava mai dalla sua Lettera 22, ed è passato egualmente alla storia come un grande...
      Sid

      Elimina
  26. Serenella Tozzi3 dicembre 2013 13:27

    Certamente il computer può andare bene per chi ha fretta, però è indubbio che lo scrivere a mano, come dice Rubrus, porta alla riflessione, a meglio ponderare su quello che si deve mettere sul rigo onde evitare cancellature noiose.
    La mano che scorre deve essere atteggiata in una certa maniera ed è forse anche un esercizio utile per le articolazioni delle mani, mentre si sa che maneggiare il mouse a lungo alle volte può risultare controproducente e provocare dolori articolari.
    Sul computer c'è certamente la comodità della correzione automatica, ma non ci succederà, poi, come quando ci troviamo a dover effettuare operazioni complesse senza l'ausilio del calcolatore? Chi può non confessare di trovarsi in difficoltà perché disabituati ai calcoli mentali?
    Insomma, sono d'accordo con Rubrus, lasciamo che studi futuri, con comparazione di dati, ci informino meglio sulle conseguenze che potrà avere sul nostro cervello l'uso del mezzo moderno.
    Però, come non ricordare taluni vecchi del passato che, quasi indistintamente, anche avendo fatto solo la terza elementare scrivevano, magari in maniera sgrammaticata, ma con una grafia bella, direi elegante, e chiara.
    Un segno di distinzione, lo definirei.

    RispondiElimina