mercoledì 12 febbraio 2014

Post it di Rubrus

Penso che tutti abbiamo ormai visto lo spot relativo al canone RAI col vecchietto acrobata (http://www.canone.rai.it/#).
Si potrebbe pensare che evadere questa imposta è un toccasana per sciatica, lombalgia, reumi ecc ecc....
Un miracolo? Purtroppo no.
Se guardate il televisore dell'arzillo vegliardo, noterete che è una TV col tubo catodico e l'antenna. Insomma, un portatile. Peccato che, con l'arrivo del digitale terrestre, i portatili non possano più funzionare.
Ma non basta.
Se ci fate caso, noterete che l'apparecchio non è dotato di decoder. Quindi, anche se non fosse un portatile, non potrebbe funzionare lo stesso. 
Già è difficile credere a un miracolo, ma a due...






2 commenti:

  1. Mi rassegno anche quest'anno e pagherò questo canone ingiusto, anche se avrei tanta voglia di seguire il consiglio di David Thoreau.

    Non c’è da augurarsi che l’uomo nutra rispetto per la legge, ma che sia devoto a ciò che è giusto. Il solo obbligo che ho il diritto di arrogarmi è quello di fare sempre e comunque ciò che ritengo giusto.

    Quindi cara RAI Radiotelevisioneitaliana io ed Henry David Thoreau quest’anno il canone non lo paghiamo, e se proprio la cosa non ti dovesse andare giù e deciderai di mandarci un’ulteriore letterina di richiamo che intima al pagamento, be’, spediscila all’indirizzo della zia di Henry David: penserà la cara zietta a saldare il debito. Con affetto e immutata gratitudine…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre una speranza: che qualcuno ti paghi il canone a tua insaputa...
      D'altra parte l'hanno già fatto con la casa a Roma dell'ex ministro Scajola.
      Sid

      Elimina