giovedì 20 marzo 2014

PRIMAVERA 2014 - Salotto supplemento


SOLE D'ABBRILE
di
Pietro Zurlo
*
E' PRIMAVERA
di
Manrico Bacigalupi



S O L E D ' A B B R I L E
di Pietro Zurlo 

Sarrà pecché è abbrile, sarrà ch'è primavera
ma quanno scenne 'a sera stu core vo' sunnà.
E se ne và vulànno...chisà che penzarrà?
Forse starrà sunnanno 'na nenna 'e tiempo fà.

Ah! Tièmpe passate...tièmpe d''a gioventù;
bastava nu vasillo pe' te fa 'annamurà.
N'addore 'e na rusella, ducezza 'e na cerasa,
tu chillo primmo vaso nun t''o scurdave cchiù.

Sole d'abbrile, sole, stu core sciète ogni anno;
ca so' passate ll'anne, chillo nn'o vvò sentì.
So' spaseme d'ammore sti juorne 'e primmavera,
che freva dint'o core ca tu nce faje venì.

Pe' chesto sonna ancora stu core ca suspira,
si vede na figliola lle vene 'e sfrennesià.
Comme tant'ànne fa', c''o sciore 'e gioventù;
addò pe' na guardata nun se durmeva cchiù!




E' PRIMAVERA !
di Manrico Bacigalupi

Che incanto la natura in primavera,
pare 'na sposa pronta per l'Altare !
Bianche le fronde il mandorlo rinserra;
gentil, chiomato in rosa, il pesco appare.

Il rosmarino mette il velo azzurro
e la mimosa esplode tutta d'oro...
Si sveglia il gelsomino, là, sul muro
mentre nei campi è tempo di...lavoro !

L'aratro che dissoda buona terra;
diritti i solchi, preparati in riga,
e le sementi messe giù a dimora
da mani esperte, fila dopo fila.

Ammiro soddisfatto l'orticello
che mi trastulla l'ore, giorno in giorno;
zappetto l'insalata e poi rastrello
con cura, con amore, tutto intorno.

Le prime foglie spuntan già dal fico...
( quest'anno spero sia raccolto pieno !).
Dal monte, in fondo, sorge il sole amico
e mentre irroro appar...l'arcobaleno !

6 commenti:

  1. Meno male che ci siete voi a portare un po' d'allegria da queste parti.
    E' primavera, ma qualche volta le bambine si svegliano male.;-)))
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco, troppo gentile. Siete un padrone di casa troppo squisito.

      Elimina
    2. Il piacere è reciproco :-))
      Ciao

      Elimina
  2. Due cari Amici virtuali che di tanto in tanto si affacciano donandomi la loro gradevolissima poetica.
    Proprio oggi, in avvio di primavera.
    Invertendo l'ordine, comincio dal Maestro Manrico:
    1) - E' primavera!
    Giacomo Zanella ( 1820-1888 ), presbitero e poeta minore.
    Cantore dotto ed aulico della natura.
    Ma il nostro Manrico appare letterariamente più a misura d'uomo.
    Semplice, diretto, senza arrampicate lessicali, tutto acqua e sapone.
    A contatto diretto, direi per mano, con l'ambiente che si apre alla nuova stagione.
    E il piacere di assaporare nell'aria il sentore profumato della primavera, l'occhio stupito come fosse la prima volta a tal risveglio di stagione, le prime attività a coltivazione della campagna, fin nell'orto.
    Con il piacere intimo del contatto fisico con la terra alla prima fioritura.
    Un canto, un inno bucolico in quell'isola d'Elba incontaminata e rustica, in tutto lo splendore del territorio e del mare.
    E poi la forma poetica: endecasillabi canonici, ariosi, musicali, ritmici, cadenzati.
    Infine quel verso < e mentre irroro appar... l'arcobaleno >, che solo chi abbia innaffiato in controsole può apprezzare in pieno.
    Una bella penna, non c'è che dire.
    E mia moglie, l'adorata Santippe, alla lettura: < è una cosa esagerata dal bello! >.
    P.S.: Manrico ed io, entrambi con le radici nel primo '900, e ce ne vantiamo ).

    2) - Sole d'abbrile.
    Un madrigale idillico-amoroso, uno stornello alla toscana?
    Forse, come < Mattinata fiorentina > ( E' primavera, svegliatevi bambine... )?
    Certo, qui don Zurlo ci va alla grande.
    Sullo sfondo c'è la primavera, ma solo come un < la > per riscoprire l'amore, gli amori di gioventù.
    La parlata napoletana, da sempre una lingua più che un dialetto, ravviva con potenza espressiva il tema della frenesia dei cuori al risveglio della terra.
    Ne apprezziamo la dolcezza, il languore e la forza trascinante nel contempo, sentimenti che ognuno ha sentito in proprio palpitare più volte, quando a contatto della natura.
    Pietro cantore del bello, ma soprattutto della passione sulla spinta rinnovata dei sensi in primavera.
    Anche lui un Poeta all'antica nel solco dei grandi, fonti ineguagliabili di emozioni e bellezze letterarie.
    Poetica/mente, Siddharta.

    RispondiElimina
  3. Ecco perché lo chiamo "maestro" il mio amico Siddharta...maestro di vita, del concreto, appassionato del bello, di quello che nessun altro ti potrà mai insegnare. E poi...quando meno te lo aspetti ti fa un dono così prezioso: prende una tua dimenticata lirica, pescata chissà quando, chissà dove e te la pubblica con un suo dotto commento, restando in tema, proprio oggi, che è entrata la primavera...cosa può mai chiedere di più un povero poeta??? Grazie Siddharta!!!!
    Graziosa/mente...Pietro.

    RispondiElimina
  4. PROPRIO PER RESTARE NEL TEMA DEL TITOLO DATO A QUESTA PRIMAVERA DEL 2014 "'Ndringhete 'Ndrà" vi posto una mia interpretazione che ha lo stesso titolo, la quale, è stata musicata proprio dal maestro Manrico Bacigalupi:
    ’NDRINGHETE ’NDRA’
    ***di Pietro ZURLO***

    Me fa paura chistu desiderio…
    ca io tengo sempe ’e te anema mia;
    pe’ nu vasillo tujo saje che farrìa:…
    cuglièsse ’e meglio sciure pe’ te dà.
    E ppo ’ndringhete ’ndrì ’ndringhete ’ndrà.

    Dincello a mamma toja, ca sta nu zito…
    ca va cercanno ’a zita p’’a spusà;
    fànce capì ca è buono pe’ marito…
    ca sta ccà bbascio e vvò pure saglì!
    E ppe putèrce dì ’ndringhete ’ndrà.

    Tengo na casa cu’ nu liètt’e sposa…
    na màchena pe’ tte, pe’ fa’ la spesa;
    int’o ciardino crèsce l’uva ròsa
    e facci’o vino pe’ nce cunzulà.
    Pe’ fa ’ndringhete ’ndrì ’ndringhete ’ndrà.

    Jàmmo, decìde, nun me fa sperì…
    Fàmme saglì ca parlo cu’ mammà;
    a pàteta me l’àggio scanagliato…
    lle piace ’o vino mio e llariulà.
    Putìmmo fa accussì ’ndringhete ’ndrà!

    RispondiElimina