venerdì 25 aprile 2014

25 Aprile - ’A LIBBERAZIONE - di Pietro ZURLO


25 ABBRILE, ’A LIBBERAZIONE!!!
***di Pietro ZURLO***


Tiempo arreto, chest’Italia nosta,
fuje libberata ’a chilli pate nuòste
da ’e nazzisti e fasciste prepotente;
e ’o vinticinche abbrile se festeggia.

Sta terra nosta fuje pulezzata tutta
dalla malerba e ’a tanta malagente;
s’arricittaje e accumminciaje d’’o capo
e ’o populo campaje, ma pe’ nu poco.

Pecché passate ll’anne ’e malamente
hanno atterrato int’a st’Italia nosta
tanta munnezza e ’a terra stummacata
se vere p’ogne ppizzo ch’è malata.

Malato è ’o sciummo, ’o mare, ’a terra, ’e munte,
addò t’avuote e ggire sta ’a munnezza;
e ’a conseguenza è che a magnà ’a schifezza
è ’o populo ca mo’ nun ne po’ cchiù.

Pirciò s’hadda turnà a pparlà ’e sta festa…
s’hadd’aggiornà, pecché st’Italia nosta,
e ’o populo italiano ’un cia po’ ffà
a sta nu poco buono pe’ ccampà!!!

11 commenti:

  1. Bravo Pietro! Complimenti
    Buona poesia, altrettanto ottima testimonianza. ;-)
    Grazie, Franco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Franco per averla pubblicata ma...l'hai ridotta di proposito oppure ti è pervenuta così com'è???

      Elimina
    2. Ad ogni buon conto trascrivo seguenti due quartine mancanti:

      Malato è ’o sciummo, ’o mare, ’a terra, ’e munte,
      addò t’avuote e ggire sta ’a munnezza;
      e ’a conseguenza è che a magnà ’a schifezza
      è ’o populo ca mo’ nun ne po’ cchiù.

      Pirciò s’hadda turnà a pparlà ’e sta festa…
      s’hadd’aggiornà, pecché st’Italia nosta,
      e ’o populo italiano ’un cia po’ ffà
      a sta nu poco buono pe’ ccampà!!!

      Elimina
    3. Non so perchè, il solito errore del copia/incolla. Adesso mi sembra a posto.
      Io il napoletano lo capisco poco e non mi ero accorto che fosse monca.

      Elimina
    4. Grazie Franco...i più non se ne sarebbero accorti, ma sapevo che qualcosa non era andata per il verso giusto. Ora è a posto. Aspetto il SID...so che i suoi fiumi sono limpidi...se presi alla fonte! SIC....

      Elimina
  2. L'espressività del dialetto le conferisce ancora più incisività. Una bella poesia, dolente, sentita, che provoca partecipazione e coinvolgimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao donna Sara...spero che apprezzi anche il finale delle due quartine mancanti!

      Elimina
  3. Il 25 Aprile, data dell' insurrezione di Milano ( da qui il fascismo era partito e qui ebbe a morire con P.le Loreto ) scelta come celebrazione storica della Liberazione dal giogo nazifascista.
    Don Zurlo ne approfitta per una scorreria socio-politica.
    Perchè nei decenni alla liberazione di un popolo è poi seguito il degrado attuale, con corruzione, stragi, mafia e inquinamento ambientale.
    Una nuova guerra è in corso per uccidere il novello mostro dalle cento teste.
    Questa natura umana volta al male, subdola, violenta, mimetizzata.
    Il popolo non ne può più, ma per sopravvivere deve chinare la testa.
    Come ai tempi di Pasquino.
    O forse non più, perchè c'è una speranza, quella di una nuova Liberazione.
    Forse quella utopistica di un movimento di rivolta, di rabbia, di protesta socio-politica contro l'arroganza che da troppo tempo sta profilandosi all'orizzonte.
    E' doloroso pensarlo, ma il mostro può essere fermato solo con uno sconvolgimento, un azzeramento totale delle istituzioni ormai marce dall'interno.
    Questa poetica di Zurlo, nella sua spontaneità, racchiude il grido di rivolta di tutti i cittadini sopraffatti, chiamati alla riscossa col solo mezzo a disposizione: il voto.
    Prima che sia troppo tardi, che la protesta passi per la forca.
    E allora non sarà più Liberazione, ma Rivoluzione.
    Ottima penna e tempestiva, Siddharta.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie SID...questa volta la lirica aveva la precedenza e l'ho postata direttamente da Franco che l'ha urgentemente trascritta per essere letta nella giornata del 25 Aprile.

      Elimina
    2. Ma certamente, Pietro. Il passaggio da me era unicamente dettato dalla tua impossibilità a contattare il nostro Wm.
      Visto che l'impasse è stato superato, meglio così.
      Il dialogo diretto è la miglior cosa, per evitare refusi e imprecisioni.
      Sid

      Elimina
    3. Si, ma quando lo ritieni opportuno attingi pure e manda avanti le tue idee.

      Elimina