sabato 31 maggio 2014

EROI DI MARE - Luigi Rizzo - Augusto Benemeglio - Biografia - Storia

LUIGI RIZZO , L’EROE DEI MAS



Di AUGUSTO BENEMEGLIO

Non c’è marinaio  che si rispetti che non conosca Luigi Rizzo,  l’ eroe   dei Mas, a cui  rimane  indissolubilmente  legata la  “Festa della Marina “  che  trae  origine proprio dal ricordo della straordinaria impresa  da lui  compiuta nelle acque  di Premuda   il  10 giugno 1918:

“ L’affondamento della Santo Stefano “,  avvenimento da me “drammatizzato” e rappresentato  presso molte delle Associazioni dei Marinai d’Italia  salentine nei primi anni ’90 ( Gallipoli, Galatina, Taviano, Nardò, etc) . Il Comandante Rizzo e i suoi  uomini , (tra cui il marò  leccese Francesco Bagnato)  riuscirono  ,   con il piccolo mitico   Mas 15 (  conservato  al Museo Storico del Risorgimento di Piazza Venezia)  ad affondare  la  grande corazzata   "Szent Istvan ",    vanto e orgoglio  della  Marina imperiale austriaca . Fu una delle più belle e ardimentose imprese che siano state compiute sul mare nel conflitto 1915-18 ,  un’  azione leggendaria a  cui  s’inchinò perfino  un grande e severo  marinaio come  l’ammiraglio  David Beatty ,  comandante in capo della Great Fleet,  che  espresse le più vive e sentite congratulazione  a Thaon di Revel ,  ma  ebbe anche una notevole importanza tattica e strategica poiché    stroncò  sul nascere una pericolosa incursione  della flotta  austriaca   contro lo sbarramento del canale di Otranto e di fatto  ribaltò la   situazione in Mediterraneo ,   dove fino allora la flotta austriaca aveva avuto una chiara superiorità, lasciando all'Italia  praticamente il totale controllo dell'Adriatico, tant’è che le navi austriache non tentarono più nessuna sortita offensiva fino al giorno della resa.
Ma chi era Luigi Rizzo? E’ presto detto. Un siciliano di pelle scura,  un siculo-berbero come ce ne sono tanti in Sicilia.  Era un "tuareg" del mare,   perché  era nato sul mare  e tutta la sua infanzia ne fu meravigliata.  Storie di mare gli raccontavano il padre e il fratello maggiore, entrambi naviganti nella Marina Mercantile; storie di guerra gli raccontavano il nonno, che combatté nel 1848 con i militi di Patria Risorgente, e lo zio, che aveva seguito Garibaldi dopo lo sbarco dei Mille a Marsala. A soli otto anni, Luigi aveva già fatto le sue scelte: la sua casa sarebbe stata la nave dove si muoveva a suo agio più che su qualsiasi altro terreno. A diciotto anni, conseguito il diploma presso l'Istituto Nautico di Messina,  è già  navigante. A  23 anni   è   capitano e  pilota del porto di Messina:  opera il salvataggio di un piroscafo che sta navigando nella tempesta. Gli viene assegnata la sua prima medaglia d'oro, al valor civile. Altre, d'oro e d'argento, ne seguiranno al valor militare.
Entrata in guerra l'Italia, il Tenente di Vascello Rizzo si mette subito in evidenza, imponendosi rapidamente all'attenzione generale per sangue freddo, perizia marinaresca, intraprendenza e sprezzo del pericolo. Gli viene assegnato il comando della Sezione MAS di Grado e inizia una serie di scorribande  nel golfo di Trieste presidiato dagli austriaci. Siamo sul volgere del 1917  e l'Italia versa in una situazione assai difficile e delicata: Caporetto, con il nostro esercito in rotta,  inoltre due corazzate  austriache , la  “Wien”  e la  “Budapest”  che da mesi cannoneggiano sull'Isonzo e sul Piave, sia in appoggio delle truppe imperiali, sia per mettere fuori combattimento le nostre batterie costiere di Cortellazzo. Il morale delle truppe italiane è a terra, la situazione è insostenibile. E' un momento assai delicato per le sorti della nostra guerra. Bisogna far qualcosa prima che sia troppo tardi,  bisogna eliminare l'azione assillante e insostenibile delle due corazzate austriache, che sono entrambe ormeggiate nel porto di Trieste.  In questo momento assai delicato per le sorti della guerra, l'Ammiraglio Thaon di Revel, Capo di Stato Maggiore della Marina, s'affida al "corsaro di Milazzo". Sa che Rizzo è l'unico che può riuscire nell'impresa. E Rizzo non lo delude; penetra nel porto di Trieste e riesce ad affondare la “Wien” , danneggiando , inoltre , seriamente la  “Budapest”. 
A guerra finita, Rizzo ebbe  molti onori,  celebrazioni, titoli. Venne promosso Ammiraglio, nominato Conte di Grado, a lui furono dedicate molte strade, vie, Piazze e  perfino una diga. Ma per noi italiani , che siamo uno strano popolo,  Rizzo ebbe forse il  torto di non essere morto sul campo di  battaglia,  di non essere stato rapito in cielo dagli dei,  ebbe il torto soprattutto  di  rappresentare, certo non per sua colpa,  l'emblema di un regime.  E ciò , con il mutare dei tempi e  della fortuna ( la caduta del regime)  , il sopraggiungere della vecchiaia e delle malattie , non gli poteva essere perdonato.   Tant'è che nel 1949  è costretto  a subire un  ridicolo  processo di epurazione con l'accusa , risultata del tutto infondata,  di aver tratto profitto dal regime,  e  contestualmente  viene  abolita la festa della Marina ,  perché legata  al  suo nome ormai chiaramente declinante.  Il  vecchio  eroe  finì per essere  dimenticato  e dovette  assistere  al trionfo  dei   parolai  pavidi  ,   di coloro che  salivano  sui carri dei vincitori e sbandieravano  il tricolore   senza mai aver imbracciato un fucile,  né mosso un dito per la  Patria ; dovette assistere    al trionfo  dei  vigliacchi , dei  parassiti , degli invidiosi  , degli  sciacalli che  da sempre tramano nell’ombra ,  dei vampiri  che succhiano il sangue dei nobili e dei coraggiosi  lui ,  che era un eroe purissimo, e di questo  soffrì moltissimo,  fino al punto da ammalarsi seriamente. Gli fu diagnosticato un tumore ad un polmone.  Decise di andare a Roma, dov'era Raffaele Paolucci,  altro eroe della prima guerra mondiale che era diventato medico di fama europea, che ,dopo averlo visitato e avergli confermato la diagnosi, gli disse: “La cosa è grave. Bisogna asportare il   polmone prima che sia troppo tardi."
Rizzo gli rispose: " Raffaè,  fai quello che devi fare:  meglio morire una volta per tutte  che questo lento e penoso morire di ogni giorno. Qualcuno mi rimprovera di non essere morto sul campo di battaglia ,  ma è proprio lì  che io   avrei preferito morire , sul mio MAS,  magari subito dopo l'affondamento della Santo Stefano, piuttosto che assistere a ciò che oggi vedo in tutte le piazze italiane…” . “Ma tu non morirai mai” , rispose Paolucci. “  Perché  tu  sei la storia della Marina  Militare e   la storia  non si può cancellare con un tratto di gomma.”  Rizzo morì  solo, in silenzio.  Non ebbe cedimenti,  debolezze,  non emise neppure un  lamento. Morì  così , com'era vissuto, due mesi dopo aver subito l'operazione.  Era  l’inizio dell'estate del 1951 ed erano passati  33 anni dalla mitica impresa di Premuda . Il profumo delle zagare si spandeva prepotente nella campagna di Milazzo e  lui , l’eroe dei Mas, aveva da poco compiuto  64 anni.




3 commenti:

  1. Serenella Tozzi31 maggio 2014 14:00

    Bellissimo ricordo, Augusto, bello e sentito.
    Certo era un eroe, e a quanto pare gli eroi puri nella nostra Patria non vengono riconosciuti; tutto deve essere insozzato perché la piccineria non abbia nulla a temere.
    Mi piace come lo tratteggi questo eroe: "e tutta la sua infanzia ne fu meravigliata". Questa frase già da sola ci descrive la sua essenza, il suo appartenere al mare.
    Grazie di questa testimonianza.

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con Serenella, questa degli "Eroi del mare" sarà una serie interessantissima.
    Bravo come sempre Augusto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimi Serenella e Franco, grazie a voi di ospitare questi spazi a personaggi come Rizzo e agli altri eroi della Marina che ho tratteggiato, che erano soprattutto "uomini", umanissimi, con le loro paure, insicurezze, trepidezze, ed è per questo che dev'essere maggiormente esaltato il loro coraggio, che non è mai autoesaltazione, o, peggio ricerca di una gloria fine a se stessa. Quando finiva la mia rappresentazione "L'affondamento della Santo Stefano" (ne feci almeno una ventina di repliche), c'era molta gente che saliva sul palco commossa, che piangeva, e ci abbracciava, come se per un attimo avessimo fatto rivivere i loro cari morti durante la più stupida e infame delle guerre, (sono tutte sporche, immonde , crudeli , le guerre, che lasciano solo cose orrende, distruzione, morte, crudeltà, strazio senza fine per creature e popoli innocenti, ma quella fu davvero - almeno per l'Italia - la più inutile e stupida, come disse anche Churchill).

      Elimina