venerdì 16 maggio 2014

’O SPECCHIO ’E CASA - POESIA NAPOLETANA - Pietro Zurlo



’O SPECCHIO ’E CASA
***di Pietro ZURLO***


Neh carugnone, che mme faje verè?
Chi è stu viecchio ca sta nnanze a mme?
Sta pella ’nfaccia tutta arrepecchiata...
ma dimme ’a verità: è a mia o cchella ’e n’ato?

Sta vocca senza riente, e sti capille...!
Songo allentate e addeventate janche!
Ah specchio ’nfame, nun me dì ’e bbuscie!
Dimme ca st’uòcchie stanche nun sso’ ’e mie!

Mannaggia ’a morte mannaggia....
Ma guarda ccà: chesta è ’a futocrafia...
nun t’allicuorde cchiù d’’a faccia mia? 
Sì, è overo, ormaje s’è sculurita...
è stata fatta quarant’anne fà...

Eppure mm’ita credere songh’io,
comm’è ca tu nun t’allicuorde ’e mè?!
Pe’ jonta si m’addormo o chiudo ll’uocchie
me veco nnanze tutta ’a gioventù!

Ma tu nun ne può ddicere buscie...
pecchè he ditto sempe ’a verità.
Allora saje che faccio ’a mo’ a ghì nnanze:

dico a muglierma ’e nun pulezzarte cchiù!
Accussi ’mpare, chello ch’è ’o ccampà,
addeventanno viecchio pure tù!

G L O S S A R I O

-Arrepecchiata= Rugosa,
-Senza riente= Sdentato,
-Songo allentate= Si sono fatti radi,
-Nun t'allicuòrde?= Non ti ricordi?.
-S'è asculurita= Si è scolorita,
-Mm'ita credere= Mi dovete credere,
-Pe' jonta= Per giunta,
-A mo a gghì nnanze= D'ora in avanti,
-'E nun pulezzarte chiù= Di non pulirti più,
-Accussì 'mpare chello ch'è 'o campà= Così impari cos'è il campare.

6 commenti:

  1. Serenella Tozzi16 maggio 2014 12:32

    Ah! Il punto dolente... lo specchio. Ma basta non guardarsi troppo da vicino e l'illusione è mantenuta.
    Bravo, è bello questo litigio poetico.

    RispondiElimina
  2. Don Pietro vanta una produzione poetica invidiabile.
    Splendida soprattutto quella vernacolare, ricostruita con puntiglio, dove l'ispirazione genuina e d'impronta si concretizza in modo coinvolgente.
    Lo specchio: è tale e tanta la quantità letteraria al riguardo , dall'antichità ad oggi, che non mette più conto enumerarla.
    Eppure leggendo il nostro Autore sembra di essere al primo incontro, tanta è la forza travolgente del verso.
    E' ovvio che anch'io mi sia cimentato sull'oggetto, ma con risultati mediocri al confronto.
    Specchio impietoso, come ti permetti di sbatterci in faccia la realtà in tutta la sua crudezza?
    Tu menti, quello non sono io, ma un altro irriconoscibile e volgare, perchè la mia memoria sul bello non può mentirmi.
    Lo diceva già Oscar Wilde ne < Il ritratto di Dorian Gray >.
    Lui che rimaneva eternamente giovane non poteva invecchiare al pari di
    quel suo ritratto impertinente.
    Sì, noi non invecchiamo mai, quindi ci è insopportabile quel riflesso che ammicca al nostro decadimento fisico ad ogni occasione: in casa, al lavoro, nelle vetrine per strada, nel retrovisore, nelle pareti a specchio d'albergo...
    E allora?
    Ti punisco, specchio della malora!
    Ti oscuro lasciandoti sporco, non potrai più riflettere, così impari.
    Il dramma interiore dell'io narrante si appalesa sempre più man mano che i versi si succedono, in ritmo incalzante.
    Fino a restare, noi eternamente giovani, meditabondi col capo tra le mani.
    E gli occhi persi nel vuoto...
    Bravissimo, caro Amico, se non fosse per il tono ironico che allenta la tensione e la rabbia, ci sarebbe da cadere in depressione isterica, noi d'una certa età!
    Chapeau, Siddharta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' pure vendicativo...vo' attenzione!!!

      E mme facevo bbello...tantu bello
      m'aggio sbarbato, e isso sempe lla a mme guardà!
      E io, pe' nun me specchià poco guardavo...
      pecché 'e rrappe nfaccia steveno sempe llà.
      Ma isso, pe' sse vendicà pare che 'ha ditto:
      ah, tu nun me vuò guardà???
      Io pe' dispietto te faccio taglià!!!

      Elimina
  3. Una volta temo di aver scritto anch'io qualcosa del genere.
    Se non ricordo male iniziava così:

    Eppure avrei molte cose da dire
    a colui che mi guarda nello specchio,
    invece abbasso lo sguardo e mi taccio...

    Ti evito il seguito.

    L'ironia in questi casi è l'arma migliore, complimenti per il componimento.
    Molto gradevole.

    RispondiElimina
  4. Bella poesia che tratta un tema dolente: quello dell'invecchiamento del nostro corpo. Oscar Wilde, nel Ritratto di Dorian Gray, il suo capolavoro, cerca di risolvere il il problema dell'invecchiamento col tragico risultato finale che tutti conoscono. Il segreto è sapersi accettare e considerare ogni periodo della nostra vita come bello e stimolante.

    RispondiElimina
  5. Caro Eugenio, rincaro la dose con quest'altra lirica, che è di un altro tenore:
    QUANNO HE PASSATO ’A SITTANTINA
    ***di Pietro ZURLO***

    Quanno tiene chiù assaje d’’e sittant’anne
    e pienze a ll’ati ca se n’è so’ gghiute
    te faje capace e ddice: forse st’anno,
    darraggio a tutte ll’urdemo saluto.
    Pe’ chesto, che ogne juorno ch’è passato
    nun ’a fernisc’e ringrazzià maje Dio;
    ed è accussì, ca n’ora doppo n’ata,
    passano ’e juorne, ’e mise e ll’anne mìe.
    Pecché si lle dicesse: mio Signore:…
    famme campà ancora ’ati trent’anne;
    po’ essere ca Chillo ce penzasse
    dicenno ca trent’ànne songo assaje…
    e ppe nun se scurdà po’ me signasse,
    penzanno ’e me chiammà quanno vo’ Isso!

    RispondiElimina