giovedì 5 giugno 2014

Gi@no - Rubrus - narrativa - supplemento Salotto "Il diritto all'oblio"

Posso smettere quando voglio.

Lo ripetono l’alcolizzato, il tossicodipendente, il malato di gioco d’azzardo, il tabagista e, quando lo dicono, di solito è troppo tardi. Può essere una supplica, una promessa, una preghiera. In ogni caso una menzogna.
Ma non era il mio caso. Mi ero fermato in tempo ed era stato un po’ come lanciarsi a tutta velocità con l’auto verso il ciglio di un burrone e arrestarsi un secondo prima di precipitare. Magari tutto il cofano sporge ed una ruota è sospesa nel vuoto, ma siete salvi.
Per me era stato così.
Avevo capito di essere arrivato al limite quando mi ero accorto che ormai non dormivo più di quattro ore per notte ed avevo superato la soglia dei diecimila contatti… o forse era stato Giano a superarli, ma non voglio anticipare troppo.

Vorrei fare un passo indietro, piuttosto. Avevo perso la mia compagna ed il lavoro e, a quarant’anni suonati, è dannatamente dura risalire sulla giostra. A quarant’anni suonati, anzi, vorreste farne a meno perché avete già capito che i cavalli sono di plastica e, dopo un po’, la musichetta vi dà sui nervi. So che cosa state pensando: “Se capitasse a me reagirei diversamente”. Beh, non voglio strapparvi troppe illusioni, ma vi auguro di non doverlo mai scoprire.
Nel mio caso cominciò frequentando i siti di offerte di lavoro. Feci tutto quello che si fa in questi casi. Spedii, consultai, lessi, scrissi, telefonai. Mentii sulla mia età, nascosi il mio titolo di studi, mi dichiarai disposto a qualunque impiego da qualunque parte. E, come accade in questi casi, non successe niente.
Naturalmente, nel frattempo, m’iscrissi anche a quel sito. Sì, quello cui state pensando. Probabilmente anche voi siete iscritti o magari ad uno simile. Non è escluso che mi conosciate. Il mio nick è Giano, come avrete indovinato.
Mi portò fortuna, devo dire, ma non nella ricerca di un lavoro. Solo che, man mano che il tempo passava, me ne importava sempre meno. M’importava sempre di più era essere on line, essere in contatto. Il mio monolocale solitario che, negli ultimi tempi, era visitato solo dall’ufficiale giudiziario, era pieno di gente. Arrivai a risparmiare sul vestiario, sul cibo, a non uscire più di casa. Affitto, assicurazioni, tasse, poteva andare tutto al diavolo. Stava per finire molto male.
Ma, come ho detto, io mi fermai in tempo. Non so individuare una causa precisa; non ricordo un fatto determinato che mi spinse a dire “basta”. Mi piace pensare ad una grazia o, se volete, alla ruota del karma che, per una volta, aveva fatto un mezzo giro nel verso giusto.
Fatto sta che mi cancellai.
Ero sempre senza un lavoro e solo come un cane, ma almeno un problema l’avevo risolto. O almeno così credevo.
Invece i veri problemi stavano per cominciare.
Dopo una settimana un tale mi scrisse una mail definendomi assassino. Al posto delle “a” aveva usato delle chiocciole, come un cattivo da fumetti. Si era firmato Gi@no. Avrei anche potuto ridere, ma qualcosa me lo impediva. Forse una specie di sesto senso.
Minacce, insulti, implorazioni cominciarono a perseguitarmi ad ogni ora del giorno e della notte. Messaggi, telefonate, mail… tutte con la stessa accusa – avevo ucciso Giano – e tutte con la stessa richiesta – Giano doveva tornare. Sapevo che una volta che si sono immessi i propri dati dalla rete, li si può recuperare. Rivivere, in un certo senso.  Ma io tenni duro.
Avevo scoperto che Gi@no non ero io. Era un tale che, nella rete, era capace di qualunque cosa. E forse anche nella vita reale. Non era il caso che tornasse o, per meglio dire, non era il caso che io tornassi ad essere lui. E i suoi amici potevano andare al diavolo. Con chiocciola o senza.
Il mio persecutore rincarò la dose. Conti correnti bloccati, multe addebitate, virus nel computer. E, naturalmente, centinaia e centinaia di mail e di messaggi.
Alla fine, mi rivolsi alla polizia postale.
In fondo, era un banale caso di stalking e, seppure un po’ particolare, un furto d’identità.
Dopo aver sporto la denuncia tornai a casa, accesi il computer e attesi le mail di Gi@no con un senso di sfida.Avanti, bello – mi dissi – vediamo che cosa sai fare.
Scoprii presto che ci sapeva fare e sul serio.
Dopo un mese, l’agente che seguiva le indagini mi fece chiamare “Ce ne sono pochi così bravi – mi disse – non abbiamo ancora capito come faccia, ma sembra che tutte le mail, le telefonate, i messaggi, partano dal suo computer”. Mi piantò in faccia due occhi indagatori e io dovetti resistere a due impulsi. Il primo era chiamare un avvocato per difendermi da un’accusa di simulazione di reato. Il secondo era mettermi a gridare lo slogan del paranoico “Mi deve credere, dottore!”.
Arrivai nel mio monolocale e mi abbattei sul letto, resistendo alla tentazione di guardare il cellulare dove, nel frattempo, mi era giunta una mezza dozzina di messaggi. Non avevo voglia di scoprire di chi.
Presi le pagine gialle chiedendomi se avrei trovato una pagina dedicata alla voce “psichiatri”.
Il telefonino squillò facendomi sobbalzare ed il volume cadde a terra finendo sotto il letto quasi si vergognasse.
Ricordo di essere rimasto per un minuto a fissare il vuoto, ma penso che non sia facile per nessuno affrontare la prova della propria sanità mentale.
Alla fine, però, lessi il messaggio
Non te l@ devi prendere con me. Sei tu la c@usa di tutto. Sei tu che h@i deciso di f@rmi fuori...
Presi il cellulare e lo scagliai contro il muro, poi mi sedetti sul bordo del letto, reggendomi la testa tra le mani e così potei vedere il volantino che era uscito dal tomo.
Reclamizzava un software: total eraser.
Secondo il programmatore era in grado di cancellare non solo virus e bug, ma – e in modo definitivo – tutte le tracce delle navigazioni, anche quelle che i titolari dei social network conservano nei loro archivi pure dopo la cancellazione degli iscritti. Esisteva persino un file (una specie di sberleffo, suppongo) che, nel momento in cui si lanciava il total eraser, simulava il suicidio dell’avatar.
Beh, adesso eccomi qui.
Ho inserito la chiavetta col programma nel computer al quale ho collegato anche il cellulare. L’icona che mi chiede se voglio avviarlo sta lampeggiando, ma io esito. Intanto, ho scritto queste righe, rigorosamente su carta.
Ora ho terminato e devo solo cliccare su “yes”. Posso farlo. Posso smettere quando voglio.

“Tentato suicidio vero?”
“Perché?”
“Hai letto che cosa c’è scritto sul foglio che ha in mano?”
“No e credo che neanche tu avresti dovuto farlo”.
“Beh, comunque, adesso che gli abbiamo salvato la pelle, faremo meglio a dire a quelli del reparto di starci attenti. Magari ci riprova… bah, fortuna che per noi del pronto soccorso finisce qui… allora amico, contento di essere di nuovo tra noi? Che cosa puoi dirci di bello?”.
L’uomo sulla barella aprì lentamente gli occhi.

"S@lve" disse.

7 commenti:

  1. Serenella Tozzi6 giugno 2014 15:09

    Angosciante.
    Sarà questo il nostro avvenire? Rimanere stritolati nelle spire del web. :-)



    RispondiElimina
    Risposte
    1. avvenire... ahimè penso che sia già presente, almeno in parte. Se in rete si legge qualche notizia sugli hikkikomori si rimane stupefatti (almeno, quelli di una certa età).

      Elimina
  2. Oggi nuove droghe condizionano masse di disperati: ludoteche, giochi di sorte statuali, elettronica di consumo...
    Chi naviga in internet conosce il vocabolario del futuro, ma deve lottare strenuamente contro la dipendenza da web.
    Non v'è alcuno che in misura maggiore o minore non ne sia affetto.
    Un mondo virtuale tentacolare ed immenso che si impadronisce della ragione, schiavizzandola.
    Il racconto in lettura sembra procedere per assurdi e paradossi, ma ben descrive il mondo tecnologico informatico che ci circonda e ci avvince.
    Ore ed ore passate al computer, in solitaria frenetica interazione, stregati dalla video-audio-tastiera.
    Nel bisogno ansioso e visionario di un dialogo in solitudine con spersonalizzati fantasmi incorporei.
    Col risultato concreto in un prossimo futuro di condizionamenti e alterazioni psicotiche da indigestioni mediatiche.
    Ottimo racconto che suona da campanello d'allarme per tutti noi...
    Futura/mente, Siddharta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un grande Sid!
      Molti dei tuoi commenti andrebbero incorniciati. Condivido totalmente quanto hai detto. :-)

      Elimina
    2. Non esagerare, Franco.
      Il mio forse raccoglie solo il pensiero di altri.
      Sid

      Elimina
    3. Caro Sid, si parlava prima di "chicche", e penso che, dovendo scegliere tra i tanti insegnamenti dei classici, il più prezioso sia l'invito alla aurea mediocritas in ogni campo (in questo caso, quello della tecnologia). Più passano gli anni e più mi convinco della pericolosità dell'eccesso in ogni sua manifestazione.

      Elimina
    4. Infatti, come si conviene: l'uomo nasce incendiario e muore pompiere...
      Forse necessità più che una virtù alla nostra età!
      Sid

      Elimina