martedì 22 luglio 2014

Lucia Ognissanti - Poesia dialettale



Ascuta

ascuta ‘sta prijera
ca ju ti dugnu
lu munnu senza tia
abbarsamatu, svinturatu

-tu si’ ciatu di l’arma mia,
ccu tantu amuri e gilusia
Vasami, accarizzami
tenimi ‘intra lu  cori,
sugnu ‘na gaccia do to sangu.-

nn ti siddiari,
ju sacciu c’a sugnu un lamentu,
comu u lamentu di cu’ mori
tu fammi durmiri
 ccu la testa supra lu pettu,
accussi aspettu
si aspettu
ca mori l’amuri


Dunamillu..

Dunamillu st’ cori...
Ju nun ti sacciu diri tanti cosi
scecca sugnu,nu sacciu scriviri
ma sacciu parrai e ti sacciu amari.
-ccu vuci miludiusa ti cantu l’amuri-

Talia a montagna comu scinni a lava
è focu ca brucia e comu u focu ca c’è
dintra a li mi vini
è focu ca avvampa pri tia.

Dunamillu st’amuri
mi spinnicchia u cori
Ju sugnu ca ,sugnu nnamurata
chianci u me cori
“ccu tia,l’amuri
si senti luntanu”

Dunamillu st’Amuri

11 commenti:

  1. Ciao Lucia
    Sempre piene di passione le tue poesie, e dallo stile inconfondibile. Bravissima.

    RispondiElimina
  2. Serenella Tozzi23 luglio 2014 13:39

    Bruci come un vulcano aspettando che l'amore diventi cenere.
    Concordo con quanto detto da Franco; poesie piene di una passione così densa da desiderarne forse la liberazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi? A Lucia?
      La pace dei sensi a Lucia?
      Sarebbe come togliere i limoni ad Amalfi e le arance ad Agrigento, il radicchio a Treviso, i carciofi ai romani e la cassoeaula ai meneghini. Noooo, non ci posso pensare :-)

      Elimina
    2. Serenella Tozzi23 luglio 2014 16:00

      Ahahah! Sarei curiosa di conoscere il parere di Lucia.

      Elimina
    3. ciao a tutti.
      grazie Franco di aver inserito delle mie poesie in dialetto siculo.Ha ragione Franco quando dice che la pace dei sensi non fa parte di me...ogni poesia che scrivo in siciliano ha dentro lava di vulcano.
      Un abbraccio a tutti Lucia

      Elimina
  3. Sprigionano sentimenti profondi questi tuoi versi e questo dialetto li rinvigorisce ulteriormente. L'amore eterno, incondizionato, al centro di tutto. Bellissime poesie. Spero di leggerti ancora.
    Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento Alex, penso di non conoscerti, ma spero di rientrare alla grande nella casa del mio amico Franco. Ciao Lucia

      Elimina
  4. Il siciliano non è linguaggio facile.
    Troppe parole mi sfuggono per poter apprezzare.
    Siddharta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro SID...per te e per gli altri amici ho tradotto in italiano la lirica di cui sopra:
      ASCOLTA
      Ascolta questa preghiera che io ti dono,
      il mondo senza Te, imbalsamato, sventurato.
      Tu sei l'alito dell'anima mia,
      con tanto amore e gelosia.
      Baciami, accarezzami,
      tienimi dentro il tuo cuore,
      sono una goccia del Tuo sangue.

      Non t'infastidire, io so che sono un lamento,
      come un lamento di chi muore,
      Tu fammi dormire con la testa
      sopra il Tuo petto, così aspetto
      che muore l'amore.

      Elimina
    2. Grazie della traduzione perfettamente in linea con la mia in dialetto.( sei siculo forse?)

      Elimina
  5. Cara Lucia...leggo solo adesso la tua domanda se sono siculo o no. Ebbene, sono un pugliese-napoletano e per 6 mesi sono stato in Sicilia ed ho avuto contatti con amici Siciliani...tutto qui.

    RispondiElimina