giovedì 24 luglio 2014

Non voglio il paradiso - Marco Candiani - Poesia dialettale milanese




Ona lus!
Ona pòrta là in fond,
filettada d'argent
e ona vos
che me dis de dervì, de andà innanz,
de volà
sora on bosch cont i foeuj trasparent...
...la me dis
de cattà quell che voeuri,
de rid e de bev
el rosòli che corr in di fòss.
E mì proeuvi, mì corri sui praa,
me rotoli in de l'erba de seda
per smorzà la mia voeuja de piang.
Voeuri minga stà chì!


Se me fà
se chì l'erba l'è fada de seda
e in di sces gh'è pù nanca ona spina...
Se me fà se in di fòss gh'è `l rosòli de bev...
Voeuri minga ne premi o castigh...
...voeuri stà
sòtt `na spanna de terra,
buttaa-là
tra on fossett
e magari ona meda de ruff
ma faa-sù in di radis...
i radis di mè gent.
Voeuri minga stà chì!
Voeuri vess `na brancada de paja
e stà là in d'on canton de la stalla
a scoltà stòri antigh
coi paròll savorii
che hoo bevuu col primm latt.
Lassi chì el paradis,
i sò fior trasparent
che profumen tutt l'ann,
senza spinn...
Voeuri vess on moron
e stà là in di marscid,
per guardà la mia gent
a sgranà formenton
in su l'era brusada dal sô...
...e patì insemma a lor
de stagion in stagion.


Ovvero...
Non voglio il paradiso

Una luce!
Una porta là in fondo,
profilata d'argento
e una voce
che mi dice di aprire, di andare avanti,
di volare
sopra un bosco con le foglie trasparenti...
...mi dice
di cogliere ciò che desidero,
di ridere
e di bere
il rosolio che corre nei ruscelli.
E io ci provo, corro sui prati
mi rotolo nell'erba di seta
per spegnere la mia voglia di pianto.
Non voglio rimanere qui!
Non m'importa
se qui l'erba è fatta di seta
e nelle siepi non c'è più neppure una spina...
Non m'importa
se nei ruscelli c'è rosolio da bere...
Non voglio né premi o castighi...
...voglio stare
sotto una spanna di terra,
buttato là
tra un fossetto
e magari un mucchio di spazzatura
ma legato alle radici...
alle radici della mia gente.
Non voglio rimanere qui!
Voglio essere una manciata di paglia
e stare là in un angolo della stalla
ad ascoltare storie antiche
con le parole saporite
che ho bevuto con il primo latte.
Lascio qui il paradiso,
i suoi fiori trasparenti
che profumano tutto l'anno
senza spine...
voglio essere un gelso
e stare là nelle marcite
per guardare la mia gente
a sgranare granoturco
sull'aia bruciata dal sole...
e soffrire insieme a loro
di stagione in stagione.

(Marco Candiani)

6 commenti:

  1. Molto spesso le poesie dialettali, hanno licenza di trattare temi importanti con la stessa leggerezza e semplicità delle favole. In questo senso anche questa poesia, dal linguaggio ai più incomprensibile e poco musicale, è un esempio apprezzabile.

    RispondiElimina
  2. Ottimo esempio del vantaggio che godono i dialetti centrali rispetto a quelli settentrionali o meridionali. La poesia in romanesco dell'altro giorno la capiscono più o meno tutti, anche i non romani (certo, grazie anche a cinema e TV), questa, difficile che la capiscano al di là del vecchio dazio (e forse anche al di qua). Ci sento l'eco di Bertoldo che morì con aspri duoli per non poter mangiar rape e fagiuoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essì, è anche ingenua. Non dico facilotta, ma furbetta sì.

      Elimina
  3. Serenella Tozzi25 luglio 2014 17:11

    Le poesie in dialetto sono rotonde; è come vedere la terra da un oblò, contengono tutto il sapore delle cose vissute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... che bella definizione Serenella :-)
      Guardare il mondo dall'oblò è un bel modo di dire. Ricorda la canzone di Gianni Togni ma rende perfettamente l'idea. E lo sappiamo che sei brava.

      Elimina
    2. Serenella Tozzi26 luglio 2014 12:17

      Modestamente è tutta farina del mio sacco :-D non conosco Gianni Togni, andrò ad informarmi :-)

      Elimina