martedì 15 luglio 2014

Pullecenella - Pietro Zurlo - poesia e musica napoletana







Pullecenella s’affaccia ’o barcone
e arragiona cu’ ’a gente ca passa;
quanno vede ’o signore, e ’a vajassa
’e ssaluta e n’inchino nce fa.

Doppo, ’e rrose s’adacqua int’e tteste,
se guverna ’o cardillo e ’a cajola;
fore ’a loggia l’appenne ’a nu chiuovo
e ll’aucielo accummencia a cantà.

Isso ’o ssente siscà e sse cunzola,
se ’ntallèa e sse ’ncanta a guardà;
po’ nce mette ’na fronna ’e scarola
e ’o cardillo s’’a va a spezzulià.

Pullecenella cu ncuollo ’a cammisa
sta sursiànno na tazza ’e cafè;
fa schiattà tutt’a gente da ’e rrisa,
che ciofeca po’ dice: te’ te’!….

Faccefronte sta ’e casa n’amico,
ca 'o saluto fa a pullecenella;
fa ’o mestiere d’’o solachianiello
però ’e scarpe nun sape accuncià.

Pullecenella sta fore a ’o barcone
e a lla gente vo’ fa ’o cuppulone;
mmiez’a via chi se ferma a parlà
chianu ’ncapo nce l’ha dda calà.

Quanno ’a sera ’o sole tramonta
e accummenciano ascì tutt’e stelle
se ne trase piglianno ’o cardillo
ca p’’o suonno se vo’ addubbechià.

Pullecenella cu ’a mascara ’nfaccia,
nun se vede si chiagne o si ride;
isso ’o ssape chi arrobba e chi accide
e nisciuno s’’o ppo’ scanaglià.

Isso ’o ssape chi arrobba e chi accide
ma nisciuno s’’o ppo’ scanaglià.-

10 commenti:

  1. Caro Pietro accontentati di questa serenata a Pulecenella, che non mi sembra poi tanto ale. Il video che sta su fb non sono ancora riuscito a salvarlo. Sembra facile ma sacaricare un video da fb e poi ricaricarlo sul blog, non è una cosa semplice da farsi pern un imbranato come me. Intanto congratulazioni per la poesia, davvero splendida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PICCOLO GLOSSARIO:
      -Barcone= Balcone,
      -Vajassa= Serva-fantesca,
      -Int'e tteste= Nei vasi da fiori,
      -Cajola= Gabbia per uccelli,
      -L'appenne a nu chiuovo= L'appende ad un chiodo,
      -Se 'ntallea= Stare a bada, indugiarsi, gingillarsi,
      -Fronna 'e scarola= Foglia di verdura (scarola),
      -Spezzulià= Mangiare di tanto in tanto,
      -Che ciofeca= Che schifezza,
      -Facefronte= Dirimpetto,
      -Solachianiello= Ciabattino,
      -Fa 'o cuppulone= Fare un cappello di carta e metterlo in testa;
      -Scanaglià= Scandagliare.

      Elimina
  2. Be'... non era poi così difficile ;-))))

    RispondiElimina
  3. Beh...vedo che ci sei riuscito magnificamente, quindi, ci sai fare. In confronto a me che mi sono fermato alle elementari tu sei laureato!

    RispondiElimina
  4. Per i lettori ascoltatori, il testo è del sottoscritto Pietro ZURLO, il cantante-chitarrista è un amico "virtuale" e si chiama Carmelo SCIPLINO di Sorrento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui il dialetto per taluni aspetti è davvero duro per i non iniziati.
      Dovresti aggiungere una bandella esplicativa per i vocaboli più inusuali, permettendo così di apprezzare appieno il testo.
      Per il resto che dire?
      Don Pietro letterariamente eclettico, che sa spaziare nei vari generi, dalla poesia al teatro, alla musica.
      Un artista completo, dalla personalità estrosa e coinvolgente.
      Da invidiare a tutto tondo...
      Siddharta

      Elimina
    2. Fatto SID.....

      Elimina
  5. Serenella Tozzi15 luglio 2014 18:42

    Davvero piacevoli questi inserimenti. Complimenti.

    RispondiElimina
  6. Grazie Serenella...

    RispondiElimina
  7. "Pullecenella" simbolo di Napoli e della napoletanità: con questo titolo il successo è garantito. Ma la poesia è godibile di suo e quindi complimenti all'autore. Alla prossima.

    RispondiElimina