giovedì 28 agosto 2014

BLOGROLL di casaframe - Netnews Luglio/Agosto 2014


Il blogroll di casaframe, lo dice la parola stessa, è l’agenda di blog amici e affini, che sono solito frequentare, nella speranza di scovare qualcosa che valga la pena di essere letto, e anche soltanto per tenermi aggiornato su quanto avviene in questo variegato e vasto mondo paraletterario digitale. Talvolta gli incontri in rete sono casuali e fugaci, e le sorprese piacevoli, non così rare come si potrebbe pensare, sono sempre dietro l’angolo, basta saperle cercare.
Ancora non ho trovato un titolo per questo nuovo appuntamento, ma potrebbe restare anche così, però vorrei fosse chiaro che questa rubrica intende essere solo una piccola finestra sul mondo dei litblog e non una vetrina del meglio o del meno peggio che passa il web.  Non ho il tempo di scandagliare così a fondo tra le centinaia di opere che quotidianamente vengono postate sui vari siti letterari e nemmeno la pretesa di voler fare classifiche di merito. Insomma sarà una rassegna di siti, blog, opere e personaggi più o meno noti che di volta in volta incontrerò nella rete. Un modo semplice e senza pretese di condividere con voi ciò che trovo di carino e interessante nelle mie frequenti puntate sul web.
Accetto come sempre ben volentieri consigli, suggerimenti, segnalazioni, ma vi avverto, non ho nessuna intenzione di essere obiettivo, imparziale, equo, bensì voglio essere assolutamente di parte, affidarmi ciecamente al mio istinto, lasciarmi sedurre dalle simpatie e postare solo quello che mi va.
Le opere sono volutamente postate incomplete, per la lettura integrale è necessario per correttezza entrare nel sito di appartenenza. 
Non è un espediente per aggirare il copyright, ma un atto dovuto, una questione di bon ton, anzi, una regola imposta dalla netiquette, il galateo di internet. 


mercoledì 27 agosto 2014

UNA LINEA SOTTILE - Sara - narrativa

C’era un solco più profondo della ragione, più insidioso. Era la fede. Questo pensava Mario mentre guardava Agnese che pregava piano, le dita sottili contratte nel gesto di srotolare un rosario bianco, le labbra carnose sussurrare impercettibili parole, sempre le stesse, impietose della sua riluttanza. Da dove  veniva la fede, quella forma estrema di gratitudine e speranza, di arrendevolezza e coraggio, di compiacimento per un potere inspiegabile e incongruente che ci governa.

La fede era un bisogno, un’eredità o soltanto un furto, l’appropriarsi di certezze che non ci appartengono, di forze che non ci appartengono, di progetti e futuro che non ci appartengono.  Anche Mario aveva avuto quell’eredità ma l’aveva dilapidata, con l’esercizio della ragione, con l’esperienza del dolore.  “Prega con me”,  gli aveva detto supplicante Agnese  e lui l’aveva schiaffeggiata con gli occhi, con uno sguardo cattivo e misero si era alzato senza dire una parola.




domenica 24 agosto 2014

Lettori Kindle

Lettori kindle tendono a non ricordare i punti chiave della trama
Un nuovo studio europeo ha rilevato che i lettori di Kindle hanno più difficoltà a ricordare i punti chiave della trama rispetto ai lettori tradizionali.

Lo studio, presentato in Italia in una conferenza nel mese scorso, riguarda 50 lettori dello stesso racconto di Elizabeth George di cui la metà ha letto la storia di 28 pagine su un Kindle, e l’altra metà su una edizione tascabile. I lettori sono stati poi testati sugli aspetti della storia: trama, personaggi, ambientazioni e oggetti.
Anne Mangen dell'Università di Stavanger in Norvegia, una ricercatrice dello studio ha dichiarato: "I lettori Kindle sono risultati in modo evidente i peggiori nella ricostruzione dell’intreccio." I lettori hanno trovato difficoltà a dare un senso ai 14 aspetti chiave della trama.

I ricercatori suggeriscono che "il feedback di un Kindle non offre lo stesso supporto per la ricostruzione mentale della storia di un libro tradizionale".
"Quando si legge su carta è possibile percepire con le dita il cumulo di pagine in crescita a sinistra, e quello di destra che si assottiglia", ha detto Mangen. "Hai pertanto la sensazione tattile… di quante pagine ti mancano per arrivare alla fine.
E ci voleva una ricerca universitaria per dirci questa frescaccia? Ma per favore. E’ risaputo che con un ereader la numerazione delle pagine è fatta su ogni capitolo e pertanto non sai mai a che punto ti trovi della storia. Ma è sufficiente ritornare alla home page e verificare la percentuale di lettura.
La lunghezza di un romanzo è misurata in ore di lettura e non in pagine, la differenza non è tutta qui.
Dice… ma vuoi mettere il piacere di toccare la carta con le mani? L’odore del libro, la pieghetta sulla pagina e il colore della copertina...
Sì, sì… siamo d’accordo. Sono tutte cose risapute, ma con il tempo anche queste paranoie passeranno. Mi viene in mente una battuta della Franca Valeri di quando la tv era in bianco e nero: “ La radio è una roba che si sente, pensa che adesso ne hanno inventata una che si sente e si vede pure. Rob de mat!?”

giovedì 21 agosto 2014

Ignore no more


IGNORE NO MORE


Messa a punto una nuova app che permette di bloccare il telefono dei figli che ignorano le chiamate dei genitori. A quando quella per mariti troppo assenti, figli negligenti e amanti disattenti?

Una madre frustrata e stanca di non ottenere risposta dal cellulare del figlio, si è data da fare per mettere a punto una app che le permettesse di metterlo fuori uso con un semplice click. Per riattivare il telefono il ragazzo sarà costretto a richiamare la madre e farsi dare la nuova password, indispensabile per ridare tutte le funzioni al cellulare.
"Adesso Bradley non potrà più permettersi di ignorare le mie chiamate” ha dichiarato Mrs. Standifird “perché solo io possiedo la password di sblocco del suo smartphone". Al bambino vengono bloccati gli sms, i giochini, le chiacchierate con gli amici, ma sarà sempre in grado di effettuare chiamate d’emergenza. È possibile scaricare Ignora No More per $ 2.50 CAD, un piccolo prezzo da pagare per ricordare ai vostri figli chi detta le regole in famiglia. I bambini hanno bisogno di imparare a usare la tecnologia in modo responsabile.

Sulla reale necessità di dotare i bambini di apparecchi telefonici, si potrebbe discutere a lungo senza però arrivare ad una conclusione valida per tutti. Intanto IGNORE NO MORE è scaricabile su qualunque telefonino, anche su quello di mariti troppo assenti, amanti disattenti e figli negligenti, nonché segretarie sciagurate e mogli troppo esigenti. Meditate gente, meditate…

font: Goodreader

martedì 5 agosto 2014

LA SENTENZA - Franz Kafka - Racconti in soffitta

LA SENTENZA


Era una bellissima mattina primaverile, di domenica. Georg Bendemann, giovane commerciante, era seduto nella sua camera al primo piano di una delle case basse, dai muri sottili, che in lunga fila si susseguivano sulla riva del fiume, differendo l'una dall'altra quasi unicamente per l'altezza e la tinta. Aveva appena terminato di scrivere a un suo amico di gioventù che abitava all'estero: suggellò pian piano la lettera, attardandosi, e poi, appoggiati i gomiti alla scrivania, si mise a guardare il fiume, il ponte e le colline coperte di verde pallido che sorgevano sulla riva opposta.

domenica 3 agosto 2014

Lolini Attilio - Galleria di Poeti Contemporanei - ovvero - Poeti del XXI° secolo dall' A alla Zeta

Attilio Lolini 

E’ nato in provincia di Siena nel 1939, dove tutt’ora risiede a San Rocco a Pilli. Soprattutto poeta e pamphlettista, ha tradotto e traduce, testi simbolisti e contemporanei. Giornalista dell’Unità e del Manifesto, critico musicale e librettista, editore dei "Quaderni di Barbablù. Fra le sue prime opere: Negativo Parziale, 1974; Notizie dalla necropoli, 1976; I resti di Salomé, 1983. Ha pubblicato numerose plaquette poetiche, prevalentemente con le Edizioni L’Obliquo, tra le quali una traduzione-rivisitazione dell’Ecclesiaste. Insieme a Sebastiano Vassalli ha inoltre pubblicato, in prosa, Belle lettere (Einaudi 1991). Nella Collezione di poesia è uscita nel 2005 l’antologia Notizie dalla necropoli (1974-2004), un’antologia di testi selezionati dallo stesso autore per rappresentare trent’anni di scrittura poetica che gli ha valso i premi Viareggio e Mondello nel 2005. Nel 2013 per Einaudi  e’ uscito l’ultimo suo libro di poesie dal titolo "Carte da sandwich".