lunedì 1 settembre 2014

COMME A' CANZONA - Eugenio Gambardella - Poesia dialettale



COMME   ‘A   CANZONA

Me vene sempe a mmente
‘na canzona
che parla ‘e ‘na  guagliona
bella assaje;
è nu mutivo antico
e accussì doce,
che te trase ‘int’ ’o core
e ‘o fa sunna’:
“Oj villanella
che a la funtana vaje”,
‘stu verso dice,
“bella comme ‘o sole;
nun vide comme j’soffro
e me cunzumo
vedennete ‘e passa’
ogne matina?
Ma nun c’è niente ‘a fa,
tu nunn’ ‘o ssaje,
te guardo e chianu chiane
me ne moro”
Pur’io so’ comme a chillo
d’ ‘a canzona
stesso destino è ‘o mio,
destino amaro:
tu nun t’accuorge ‘e me
femmena ‘ngrata,
e  j’ passo ‘a vita mia
aspettanno a tte.


La poesia trae ispirazione da una villanella del 1560, (vedi testo e musica allegati) dove si coglie soprattutto l’aspetto bucolico della storia. In sostanza si vuole paragonare la situazione sentimentale del giovane del ‘500, che si strugge d’amore, non corrisposto,  per la bella ragazza che si reca alla fonte ad attingere acqua, con la situazione attuale di chi scrive che sta vivendo la stessa amara esperienza. Passano i secoli, ma le pene d’amore sono sempre le stesse. (E.G.)

villanella che all'acqua vai 
(1560 )
(Giovanni Leonardo di l'Arpa – 1520-1602)

Villanella che all'acqua vai,
moro pe te tu non lo sai,
villanella che all'acqua vai,
moro pe te tu non lo sai.
Ahi, ahimè ch'io moro mirando te.
Ahi, ahimè ch'io moro mirando te.
Quando vai con la langella,
sei regina non villanella.
Ahi, ahimè ch'io moro mirando te.
Ahi, ahimè ch'io moro mirando te.


4 commenti:

  1. Non sono un esperto ma mi pare proprio una poesia di ottima fattura. Gli endecasillabi spezzati e alternati le conferisco un buon ritmo. Anche il riferimento alla poesia del 600 trovo che sia interessante.
    Ottima la prima di Eugenio Gambardella, complimenti davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franco. Sono contento che ti sia piaciuta. E grazie anche per come è stata presentata. Le villanelle sono delle vere gemme nella tradizione canora napoletana, le canto spesso accompagnandomi con la chitarra. Un giorno, magari, te ne farò ascoltare qualcuna. A presto.

      Elimina
  2. Serenella Tozzi1 settembre 2014 12:07

    Una davvero piacevole commistione di poesia, musica e pittura. Un aggregato che risulta particolarmente gradevole e la poesia di Eugenio ben si innesca in questo insieme.
    Si, credo anch'io che sia un buonissimo esordio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche a te Serenella per queste belle parole, che mi incoraggiano e mi gratificano non poco. Questo tema, quello della ragazza che si reca alla fonte per attingere acqua ed è fonte di desiderio del giovane di turno, è molto ricorrente nella storia della canzone napoletana. L'ultimo, quello più conosciuto, è Funtana all'Ombra di E.A Mario. Un saluto.

      Elimina