venerdì 30 gennaio 2015

Blog roll di casaframe - da Poesia e Scrittura di G. Barreca







Dino Zoff, DURA SOLO UN ATTIMO, LA GLORIA. LA MIA VITA, Mondadori 2014

“Sono un operaio specializzato che, con passione e serietà, tutti i giorni della propria vita ha timbrato il cartellino. Undici campionati giocati di fila, mai un raffreddore, mai un infortunio. Anni e anni in panchina ad assumermi responsabilità e a metabolizzare insulti. Sempre al mio posto, a qualunque condizione. Se davvero sono stato un monumento, come qualcuno ancora dice, sono stato un monumento ai lavoratori. Questa è stata la mia minuscola grandezza, la mia vita, la mia dignità”.
Solitamente le autobiografie di calciatori sono libri che vivono una sola stagione, scritti per raccontare la carriera di un idolo, appannaggio di tifosi e giornalisti sportivi, destinati a un affrettato dimenticatoio. Nel caso dell’autobiografia di Dino Zoff non è così, per diverse ragioni. In primis, perché si tratta di un “calciatore d’altri tempi”, che ha smesso di giocare nel 1983, e che oggi è un anziano signore la cui fama si conserva intatta; in secondo luogo, perché Zoff non racconta semplicemente la sua carriera, ma la sua vita, della quale il calcio è stata una parte fondamentale, ma non l’unica.  (per continuare a leggere)

giovedì 29 gennaio 2015

DARK SUMMER - Rubrus - Romanzo (d books.it)

Dark Summer
DARK SUMMER - Rubrus - IBS
Quando ero bambino, più della televisione e al pari dei libri di Giulio Verne, pochi a quei tempi per la verità, il cinema era la mia finestra sul mondo. L’oratorio passava due film la settimana, che venivano catalogati in modo sommario, approssimativo, ma molto efficace e immediato. Il genere cappa e spada, per esempio, era semplicemente un film di spadaccini. Un western poteva essere indifferentemente un film di pistoleri, oppure di indiani. Se il film era storico, era dei Romani, ma se c’erano i carri armati diventava un film di guerra. Un film comico era sempre da ridere, uno drammatico da piangere, se d’amore invece una grande boiata da evitare. Ma se c’erano i mostri e i vampiri, allora non avevamo dubbi, eravamo tutti d’accordo: quello era un film di “paura”.
E se mi chiedete adesso, dopo averlo letto, che tipo di romanzo è Dark Summer, io che non sono un esperto di Horror e di nessun altro genere, vi risponderò senza tema di sbagliare che è un libro di paura...

PCQ *** Penìa - Crescita - Il filosofo della dotta ignoranza

A) – Penìa.
La pittura classica ci ha spesso tramandato scene di banchetti sontuosi, con ai piedi dei ricchi commensali cani, servi e poveracci affamati a cibarsi degli avanzi.
Nel Simposio di Platone, Poros, figlio di Metide, è la personificazione dell'ingegno, dell'espediente.

mercoledì 28 gennaio 2015

Post-it di Rubrus - "Rai Storia"

Nel segnalare il canale "Rai Storia" agli interessati (e qui di interessati alla storia ce ne sono: per chi non lo sapesse, comunque, è il canale 54) riporto, nel cinquantenario della morte, come Churchill - politicamente un conservatore (al massimo un liberale) fu sempre appassionato ed attento alle innovazioni tecnologiche: non avendo la cultura per capirle, pretendeva che tecnici e scienziati glie le spiegassero ad usum delphini riservandosi il compito di valutarne il potenziale impatto e le potenziali applicazioni nel lungo periodo...

martedì 27 gennaio 2015

PCQ *** - Chi di drone ferisce - De sideribus - Il rattoppo - Discendenza

A) – Chi di drone ferisce…
…di drone perisce.
Tra poco cesseranno i bagni di folla delirante in P.zza S. Pietro ( e in altre manifestazioni laiche ).
Basterà un drone artigianale decollato da un qualsiasi terrazzo ed una bombetta nemmeno tanto sofisticata per fare una strage di fedeli.
E non occorre essere un grande profeta per azzeccarci!

lunedì 26 gennaio 2015

AFTER - di Anna Todd - la fanfiction e wattpad

AFTER - DOPO
Il fenomeno editoriale più grande nella storia della rete, con oltre un miliardo di lettura on-line. Una serie 'fan-fiction' scritto da una giovane donna di 25 anni e grazie alla piattaforma Wattpad spazia in tutto il mondo

Tra i nativi digitali, questa è una non notizia, oppure già troppo vecchia. Infatti in Italia sono già più di un milione gli utenti di Wattpad e nel mondo raggiungono i 40 milioni. La stragrande maggioranza ragazze dai venti anni in giù. Tutta gente abituata a scrivere e a leggere con i tablet e gli smart. Per noi vecchietti che sfruculiamo il pc, come fosse la Olivetti lettera 24 e guardiamo il mondo virtuale attraverso pertugi e lenti d’ingrandimento, queste cose risultano mostruose e persino incomprensibili.

sabato 24 gennaio 2015

Post. it di Rubrus


Anche i social media attuali, come quelli un po’ più datati, quale la TV, amano parlare di sé.
Bene o male, importa poco...

PCQ *** Follia (μανία ). - La maestra. - L’attesa.


A) – Follia (μανία ).
Gli innamorati comunicano in un linguaggio oscuro perché l’amore affonda nella follia ( gr.: μανία = leggasi < manìa )) e non segue le regole della ragione.
Ne avrebbero di cose da dirsi, ma non sanno come dirle.
L’amore è indicibile.
( ripreso da un intervento del filosofo e docente Umberto Galimberti su You Tube ).

giovedì 22 gennaio 2015

PCQ *** Caterina da Siena aggiornata...


A) – Caterina da Siena aggiornata.
Chi scrive poesie oscure al lettore oltre che a se stessi è come la donna che partorisce solo figli morti…

Calzini Bianchi - Racconto - di Rubrus

«Cara, hai visto i miei calzini bianchi?».

«No. E non so dove siano».
Figurarsi. Li odiava, quei calzini, quindi doveva per forza sapere dove si trovassero. Facile, anzi, che li avesse nascosti lei.
Dino iniziò a frugare nel cassetto con rabbia, scompigliando tutto quanto.
Perché li detestasse era un mistero. A quanto pareva, la moda considerava eleganti mise da straccioni, ma si ostinava ad attribuire valore indiscutibile ad un unico precetto: “tu non indosserai calzini bianchi”. Era più di una prescrizione: era un dogma, un tabù. 

mercoledì 21 gennaio 2015

Poesie sulla poesia (2) - Raccolta di poesie e pensieri sulla metapoesia. (etichetta: angolo della poesia)

HO GIA' IN MENTE...
(Salvatore Scollo)

La prossima poesia al centro avrà te
sbucata nella mia vita novità inattesa,
descriverà il viso e i profondi occhi
io ch'ero rassegnato a sbiadire lentamente.

Descriverà la casa che andremo ad abitare
piccola ma con le comodità che servono
soprattutto la postazione col pc
dove scrivere i versi per dire la mia gioia.

E sul tavolo della cucina sistemerà rose
a tenere compagnia al tuo profumo...

martedì 20 gennaio 2015

Poesie sulla poesia - Raccolta di poesie e pensieri sulla metapoesia. (etichetta: angolo della poesia)

Metapoesia o Poesie sulla poesia
C’è una cartella sul mio desktop dal titolo: “Poesie sulla poesia”. Le raccolgo da tempo come le conchiglie, senza affannarmi nella ricerca, prendo solo quelle che mi capitano sotto gli occhi sulle rive del web. Poi le conservo e talvolta le rileggo. Non nutro la speranza segreta di scoprire la pietra filosofale, anzi, forse mi consola di più constatare che, nonostante tanto affanno, ancora nessuno sia riuscito a svelare il segreto della poesia. Però sono in molti a cimentarsi in quella che viene definita metapoesia.

PCQ *** Nihil novi - Domanda - Corsi e ricorsi.


A) – Nihil novi.
Interpolando opportunamente:
<< Certi poeti contemporanei, che si credono degli dei, considerano un vero capolavoro inserire quattro o cinque parolette esotiche o arcaiche o inventate per rendere oscuri i loro testi, perchè chi capisce diventi sempre più pieno di sè e chi non capisce quanto meno capisce più ammiri.
Chi poi dei lettori è particolarmente presuntuoso apprezza e applaude anche lui e come l'asino move le orecchie, perchè agli altri sembri che capisca alla perfezione >>.
( da < Elogio della follia > di Erasmo da Rotterdam, 1466-1536 ).
Come si vede, malgrado i secoli nihil novi sub sole...

domenica 18 gennaio 2015

CARLO V - Appunti di storia - Serenella Tozzi


Parliamo di Carlo V, l'imperatore che in pieno Rinascimento poteva affermare che sul suo regno non tramontava mai il sole.
Carlo era nato nel 1500 a Gand, nelle Fiandre, da Filippo il Bello, arciduca d'Austria, e da Giovanna la Pazza, regina di Castiglia (pare sia impazzita alla morte del marito, avvenuta nel 1506, di cui si dice fosse molto innamorata).


venerdì 16 gennaio 2015

PCQ *** La cabala - Intellettuali dell'oggi - Divagazioni


 A) – La cabala.
La mistica medievale, mutuando dall’ebraismo, affidava la spiegazione della teologia anche per mezzo di lettere, numeri, figure o sogni.
In particolare analizzando la grammatica elementare ( lettere, sillabe, frasi, aggettivi, sostantivi, verbi, ecc.) cercò ragioni confermative dei fatti terreni e metafisici.

IL DITO - PaleS - Angolo della poesia

IL DITO

Il dito che coglie lo sbaglio,
la voce stonata ch’è fuori
dal coro; il raglio, il difetto,
l’occhiata; il volo d’insetto;

il dito che addita ed azzanna,
che invita, punisce, condanna,
è sempre lo stesso: è quello
dell’uomo seduto sul cesso,

la mano richiusa ad ombrello,
che prende, che scarta, che mozza
la carta; lavora fra i peli;
perfora i due veli; s’insozza.


( Franco Pale )

mercoledì 14 gennaio 2015

PCQ *** – A proposito di civiltà: per non dimenticare. Vardø, l'isola delle streghe.





A Vardø, un'isola sperduta nel mare di Barents, un monumento ricorda i crimini commessi contro le donne in nome della lotta alle streghe. Riporto da un più ampio articolo la parte che ne parla.

martedì 13 gennaio 2015

Giovanna Bemporad ( novembre 1928 - gennaio 2013 ) - Angolo della poesia

Giovanna Bemporad (Ferrara16 novembre 1928 – Roma6 gennaio 2013)
Con la Bemporad l’endecasillabo ritrova il suo diritto ad esistere nella poesia del novecento, con una pronuncia originale e moderna. È quasi impossibile, nel suo caso, fare distinzioni tra originali e testi derivati. Negli uni e negli altri circolano la stessa ansia di assolutezza formale, la stessa vitrea incandescenza, un’unica rarefatta ossessione”.
(Giovanni Raboni)



Veramente io dovrò dunque morire
come un insetto effimero del maggio
e sentirò nell’aria calda e piena
gelare a poco a poco la mia guancia?
Più vera morte è separarsi in pianto
da amate compagnie, per non tornare,
e accomiatarsi a forza della celia
giovanile e del riso, mentre indora
con tenerezza il paesaggio aprile.
O per me non sarebbe male, quando
fosse il mio cuore interamente morto,
smarrirmi in questa dolce alba lunare
come s’infrange un’onda nella calma.


Da “Esercizi”, Garzanti, 1980

domenica 11 gennaio 2015

PCQ **** - A macchia di leopardo - Il jihad - Eros vittoriano - I buoi



A) – A macchia di leopardo.
Forse non ve ne sarete accorti, ma a mio modesto parere siamo nel bel mezzo della terza guerra mondiale.
Non più con spostamenti di divisioni, carrarmati, artiglieria pesante, ecc. come in passato.
Ma a bordo di pick-up accessoriati per la bisogna su comode strade asfaltate, missili, droni ed altro.
I tempi sono cambiati e anche la guerra ormai si espande a macchia di leopardo, in un continuo inseguimento localistico alle varie latitudini.

SCRITTORI CERCASI - Factory Editoriale I SOGNATORI promuove selezione

AAA: CERCASI SCRITTORI
Iniziata la selezione per l'inserimento di
20 scrittori in un progetto editoriale d'avanguardia.

"I Sognatori" la prima factory editoriale italiana, ha bisogno di gente nuova e motivata. Per ora mi bastano 20 nuovi scrittori. dice il responsabile della casa editrice A. Moscatelli  in un post del 9 Gennaio su   e indirizzato a tutti i componenti della factory che già fanno parte del gruppo. Tra questi anche la nostra amica Verdiana Maggiorelli in arte Viridis, con il suo ultimo: l'Innumerevole fermento. (segue)