giovedì 8 gennaio 2015

PCQ*** Oriente - Postura - Spigolando cattiverie



A) – Oriente.
Ogni persona prima o poi sente il bisogno di orientarsi nella vita.
Orientarsi, cioè guardare a est, e non anche a ovest ( ovvio < All’ovest niente di nuovo >… ), a nord ( col freddo che fa… ) o a sud
( di questi tempi poi… ).
Verrebbe da chiedersi perché proprio a est: perchè là sorge il sole a certa direzione del cammino, perché la preghiera cristiana volge alla storica Gerusalemme crociata, perché… perché…
Nei secoli scorsi le chiese venivano costruite secondo un preciso canone naturale.
Stabiliti il luogo e a quale santo votarsi, si osservava la caduta della luce solare al suolo nel giorno del futuro patrono.
Quindi si iniziava la fabbrica precisando la navata sulla quale avrebbe insistito il fascio di raggi.
Cosicchè puntualmente a conclusion dell’opra e alla data patronale il sole inondava la navata centrale.
Sarà vero…, direte voi.
Verificare per credere.  
Intanto nelle immense praterie del West i carovanieri, facendo sosta al tramonto, direzionavano subito le stanghe dei carretti sull’asse est-ovest, per non perdere l’orientamento il giorno dopo in caso di pioggia o cielo coperto.

B) – Postura.
La mia vicina di casa, sui trent’anni, incarna il mio ideale di umana ruspante.
Per via della naturale postura, eretta ed elastica nel passo, dalla verticale erotica che risveglia ancestrali istinti.
Nulla a che vedere con l’andatura dinoccolata, forzata, sbandata delle modelle di moda che sfilano sulle passerelle.
Quando sale le scale, appoggia solo l’avampiede, dondolandosi senza sforzo sui calcagni nell’equilibrio di sforzo.
Più o meno come la Griffith ed altre che più che correre volavano sui 100 metri piani… 

C) – Spigolando cattiverie…
S. Francesco fu solo diacono, mai consacrato sacerdote dalla Chiesa.
Ben s’esprimeva nella langue d’oc e d'oïl , malamente in latino.
Sulle Crociate forse dissentì interiormente, ma non si compromise mai contro formalmente.
Predicava in modo gestual/giullaresco per farsi capire dal pubblico, a somiglianza dei superiori che nelle omelie spiegavano la Scrittura mimandola teatralmente ( piangendo, strappandosi i capelli, stracciandosi le vesti, ecc. ).
Ravvedutosi a oltre vent’anni, prima ebbe modo di godere dei piaceri della carne e degli agi, verosimilmente anche uccidendo in guerra…
Come frate minore non poteva rifiutare il cibo offertogli in questua, quindi avrà mangiato anche costolette di agnellino malgrado il suo amore per il Creato…
Un poco goloso, in punto di morte chiese gli si portassero dei dolcetti mandorlati al miele…
( fonte: Franco Cardini, storico medievista )

SIDDHARTA

7.1.2015

2 commenti:

  1. Est) secondo me, oltre che per ragioni simboliche (comuni a molte religioni) anche perchè in assenza di luce elettrica un edificio orientato in quel senso si illumina meglio. La stessa ragione per cui sui nostri monti molti paesi stanno sul versante che affaccia a sud: per ricevere più luce e più calore.

    RispondiElimina
  2. Si', la Griffith, come la tedesca Koch sui 400, volava con i suoi smalti trendy sulle unghie. Però è anche andata a finire male e presto e se io avessi una vicina così farei comunque fatica (forse un rifiuto inconscio) a paragonarla alla Griffith.
    Molto interessante l'inserto su Francesco.
    Ciao Sid.

    Franco Pale

    RispondiElimina