mercoledì 28 gennaio 2015

Post-it di Rubrus - "Rai Storia"

Nel segnalare il canale "Rai Storia" agli interessati (e qui di interessati alla storia ce ne sono: per chi non lo sapesse, comunque, è il canale 54) riporto, nel cinquantenario della morte, come Churchill - politicamente un conservatore (al massimo un liberale) fu sempre appassionato ed attento alle innovazioni tecnologiche: non avendo la cultura per capirle, pretendeva che tecnici e scienziati glie le spiegassero ad usum delphini riservandosi il compito di valutarne il potenziale impatto e le potenziali applicazioni nel lungo periodo...


Senza entrare in valutazioni di merito sui politici (italiani e non) penso di poter dire che un grande politico ha sempre almeno tre doti personali: carisma (e questo ce l'hanno anche gli arruffapopoli), lungimiranza (non sono uomini solo del proprio tempo, che pure, innegabilmente, vivono e comprendono, ma hanno anche la capacità e l'umiltà di vedere oltre il proprio tempo) e capacità di prendere decisioni impopolari. Sull'ultimo punto noto quanto ciò sia distante dalla spasmodica ricerca del consenso che così spesso è l'unica bussola dei leader moderni. E non tiratemi fuori "videocrazia cattiva, rete buona". Per me chi cerca il consenso sulla rete a suon di "mi piace" e "tweet" non è poi diverso da chi sta o stava attento allo share.  Per chiudere, un suggerimento libresco: "LUI è tornato" di Timur Vermes. Un romanzo intelligente e divertente (e inquietante) sul volto che avranno le nuove dittature. Un volto, secondo me, 2.0. 

2 commenti:

  1. A Rubrus.
    Tutto bene, tutto giusto.
    Epperò in questo marasma di malaffare politico, per la scelta del nuovo Presidemte della Repubblica vorrei affidarmi alla rete.
    Per segnalare direttamente il mio di candidato ( cioè del popolo ), non quello contrabbandato dai partiti corrotti.
    Siddharta

    RispondiElimina
  2. Sai bene che la costituzione attuale prevede un sistema differente. D'altro canto, con questo sistema, un presidente eletto direttamente sarebbe abbastanza inutile, rimanendone inalterati i poteri. A onor del vero, devo dire che l'idea di "un uomo solo al comando" (quindi un presidente con più poteri) mi rende sempre alquanto diffidente. Infine, il metodo di elezione (anzi, per essere precisi, di scelta, perchè essere eletti con voto elettronico anzichè con scheda di carta non è poi così sconvolgente) tramite rete mi lascia ancora più perplesso. Sulla rete si decide sempre in modo irriflesso, di pancia, del tutto irrazionale - più o meno come cambiare canale in tv. Preferirei scelte più ponderate, insomma.

    RispondiElimina