venerdì 9 gennaio 2015

Salotto di Gennaio 2015

9 gennaio 2015

CLUB DEL LIBRO 2015 di FACEBOOK



Marck Zuckerberg, il fondatore di Facebook ha di recente invitato i suoi utenti fedeli a leggere insieme a lui un libro ogni 15 giorni. Il progetto è stato presentato- ovviamente- da una pagina Facebook- Year of books.
Naturalmente tutti sono invitati ad inviare commenti critici sull'opera sarà presentata ogni due settimane. E' facile prevedere che questa pagina si appresta a diventare il sito di letteratura più frequentato al mondo.
Poi uno dice i social. Sempre più frivoli. Sempre meno impegnati. Però poi arriva Mark Zuckerberg e, in quattro e quattr'otto, spazza via i (pochi) dubbi rimasti sulla compatibilità tra web e cultura.
(Font: il giornale.it)





5 gennaio 2015
 Pino Daniele
Addio





Na tazzulella 'e cafè...
e maje niente ce fanno sapé...
Nuje ce puzzammo 'e famme,
'o ssanno tuttuquante...
e, invece 'e ce ajutá,
ce abbóffano 'e cafè...
Na tazzulella 'e cafè,

cu 'a sigaretta 'a coppa
pe' nun vedé
che stanno chine 'e sbaglie,
fanno sulo 'mbruoglie:
s'allisciano, se váttono...
se pigliano 'o ccafè...
E nuje passammo 'e guaje...
nuje nun putimmo suppurtá...
e chiste, invece 'e dá na mano,
s'allisciano, se váttono,
se mágnano 'a cittá!...

Na tazzulella 'e cafè,
acconcia 'a vocca
a chi nun vò' sapé...
E nuje tirammo 'nnanze,
cu 'e dulure 'e panza...
e invece 'e ce ajutá,
ce abbóffano 'e cafè...
Na tazzulella 'e cafè...
cu 'a sigaretta 'a coppa
pe' nun vedé...
S'aízano 'e palazze,
fanno cose 'e pazze,
ce girano, ce avòtano,
ce jéngono 'e tasse...
E nuje passammo 'e guaje,
nun putimmo suppurtá...
e chiste, invece 'e dá na mano,
s'allisciano, se váttono,
se mágnano 'a cittá!...

(C. MATTONE)


6 commenti:

  1. Be'... mi dispiace proprio tanto. Non so che dire.

    Quanno chiove è la canzone che mi resterà sempre nel cuore, ma anche questa col testo di Mattone, è un testo di denuncia tosto. Ce l'aveva con i palazzinari, ma è sempre attuale, le cose in generale vanno sempre peggio.

    RispondiElimina
  2. Un bellissimo tributo il video di "Quando chiove", così pieno di pubblico giovanile entusiasta, penso che sia la migliore maniera per ricordarlo.

    RispondiElimina
  3. RICURDANNO A PINO DANIELE
    (5 Dicembre 2015)
    ***di Pietro ZURLO***

    Ha perso n’atu figlio mamma Napule…
    chesta matina, è ghiuto p’’o scetà
    ma isso nun durmeva…era già muorto…
    Napule e ’e figlie suoje chiagneno già.

    Che pena a chella mamma l’he venuta…
    n’allucco e ppo ’nu chianto zitto e mmuto!
    Unu lamiento amaro p’’a città…
    Possibbele? Ca Pino se n’è gghiuto?

    E n’atu piezz’e core se nne và…
    addò già stanno ’e grann’e sta città;
    ma nun è muorto, nun ppo maje murì…

    chi ha lassato museca e ccanzone
    comme ha fatto isso pe’ ll’umanità!
    E già da tutt’e vvocche ’e ssento già!...

    N.B.: Questa lirica l'ho scritta di getto, libera, come detta il cuore, non tenendo conto delle regole che vuole il SONETTO sulla metrica.

    RispondiElimina
  4. Nota Bene: Se qualcuno non capisce qualche parola, sia della mia lirica che delle altre non ha che d chiedere, farò la traduzione.

    RispondiElimina
  5. Siccome nel mio sito Gli Amanti del Vernacolo" si sono sbizzarriti nel fare gli elogi a premorto Pino Daniele, aggiungo un'altra lirica di un siciliano purosangue:
    A MIMORIA DI PINU DANIELI

    Lu Signuruzzu u vosi ‘mparadisu,
    u cantanti amatu, Pinu Danieli,
    morsi, e stu fattu, fu tuttu ‘mpruvisu
    cu Massimu Troisi, ora è nte celi.

    Ni lassau li canzuni, e troppu chiantu,
    aveva ‘na vuci particulari
    pi tutta Napuli, bannera i vantu,
    ‘n Napulitanu, ca mai s’ha scurdari.

    Diu nostru, si cogghi li megghiu ciuri,
    li voli ‘mmenzu di celesti santi,
    unni regna, a vera paci, è l’amuri,

    unni non ci su ricchi benistanti,
    dda s’attrova u cunfortu do Signuri
    riposa ‘n paci Amicu cantanti.

    MI ASSOCIO AL DOLORE DELLA CITTA’ DI NAPOLI
    GIOVANNI RIZZA
    POETA DIALETTALE SICILIANO

    RispondiElimina
  6. Il club del libro 2015

    Non avevo dubbi sulla compatibilità tra web e cultura, tuttavia continuo a pensare che le pagine Facebook, così come sono adesso, siano il posto meno adatto per leggere e commentare con un minimo di concentrazione e di obiettività opere letterarie come le poesie. Vada per le recensioni dei libri, anche le locandine dei romanzi, le novità librarie e le relative recensioni possono andare, ma le poesie per esteso proprio no. Non riesco a leggerle, né tantomeno a commentarle. Con buona pace di Siddharta che di poesie da solo ne battezza almeno un paio al giorno. Uè, e ce ne fosse una che non gli va bene. Su facebook tutti capolavori…ah ah ah ah
    Sul blog invece non glie ne va bene mezza )))))))))

    RispondiElimina