martedì 24 febbraio 2015

Perché un blog? - Salotto di Febbraio 2015




AUTORIZZAZIONI

Abbiamo già detto molte volte che esistono tanti tipi di blog, sta a noi decidere le sue caratteristiche per adattarlo alle nostre esigenze. Sempre nel caso decideste di aprire un blog a carattere personale sappiate che:



L'autore del blog diventa automaticamente l'amministratore unico del sito.  Io vi consiglio a questo punto di nominare un collaboratore di fiducia (autore), il quale possa entrare nel blog al pari di voi, o quasi, sempre e comunque.
Insomma, date la facoltà a un parente stretto o un amico, di poter subentrare in ogni momento, e di farne le vostre veci. Meglio se persona esperta, il quale da casa sua possa entrare ed uscire dal blog senza scomodarsi. A casa di frame, per esempio, ha come collaboratore ufficiale Rubrus. E' anche possibile trasferire l'account a altra persona e defilarsi dal blog, ma non complichiamo le cose. Per il momento sappiate che potete nominare un collaboratore, semplicemente mettendo il suo indirizzo email (cliccando su freccia rossa). Ricordare che Blogger accetta soltanto indirizzi  @Gmail.In seguito la posta la potete dirottare dove volete.



LETTORI BLOG

Se cliccate sulla freccia gialla appare questa tendina. E qui c'è poco da spiegare, basta leggere e decidere cosa fare.








Perchè un BLOG!?


Avete mai pensato di aprire un blog?
Se avete intenzione di allestire un blog per mettere in vetrina le vostre opere e mostrare al mondo la vostra mercanzia, non leggete questo articoletto. Quello che sto per dire è rivolto a tutti coloro che non hanno molta dimestichezza con il mezzo, che hanno molto da dire, ma non lo vogliono far sapere. Sì è un controsenso, ma il blog può essere utilizzato in tanti modi. Uno su tutti: il blog può diventare un archivio portentoso, dalla memoria illimitata, completamente gratis e udite udite, può anche essere segreto.






Sì, stiamo parlando di un diario virtuale, o se preferite di un archivio personale. Lo so che è molto limitativo, è come avere a disposizione una Ferrari e farsi il giretto ogni tanto nel proprio cortile di casa. Tuttavia niente vi impedisce di portare avanti due blog contemporaneamente: uno ufficiale da mostrare al mondo, e un altro per scarabocchiare e metterci dentro tutto quello che vi gira.
Farsi un blog personale è la cosa più semplice di questo mondo. Le piattaforme che offrono gratis questo servizio sono numerose, ma ve ne consiglio soltanto due : Wordpress oppure Blogger. 
In entrambi i casi potete scegliere se rendere visibile ai motori di ricerca il vostro blog oppure potete rinunciare a questa opportunità, (vedi foto) e in questo caso il blog sarà visibile soltanto a voi. Avrete così a vostra disposizione un archivio dalla memoria illimitata, assolutamente segreto e indistruttibile nel tempo. Lasciate perdere le chiavette e altri sistemi di memoria. Fatevi un blog, fosse anche per conservare le ricette della nonna, le fotografie del nipotino, insieme ai vostri pensieri, opere, poesie, raccolta di articoli, canzoni, fotografie eccetera eccetera. Insomma fate conto di mettere su un blog come questo tutto vostro e di poterlo condividere con chi volete e ogni volta che lo desiderate.
Chi ancora non l'ha fatto e ha in questo blog una stanza ricca, può incominciare con quella. Lo consiglio vivamente a tutti, credetemi è uno spasso.

7 commenti:

  1. Interessante che possa essere un segreto. Questa non la sapevo.
    Dovresti darti alla pubblicità, sai essere convincente. :-)

    RispondiElimina
  2. E' come una casa, la chiave per entrare la dai a chi vuoi tu.
    Gli altri non entrano e alla porta non c'è nemmeno il campanello. Ma che vuoi di più?

    RispondiElimina
  3. Sia chiaro che a me non viene in tasca nulla. Non mi chiamo Roberto Cretino, non vendo sogni e manco solide realtà, dico la mia poi mi taccio e voi fate come vi pare. Però vi ricordo che bastano due click per far scomparire un lavoro come questo di settecento post. Fate un po’ voi. Se ci tenete alla vostra roba, anche quella che non avete mai pubblicato, il blog personale è la soluzione migliore. Mentre il pc si può rompere, la chiavetta si può perdere eccetera eccetera. Un blog invece, se non succedono cataclismi, è per sempre. Quando dico per sempre intendo finché si sta in vita. Fin quando il cervello regge. Del dopo ancora non ci ho pensato.

    RispondiElimina
  4. "Però vi ricordo che bastano due click per far scomparire un lavoro come questo di settecento post. Fate un po’ voi."
    Franco!!! Fai terrorismo? :-)))
    Però ci dobbiamo sentire, così mi segui passo passo nel crearmi il blog; perché, sarà anche facile, ma, sai com'è!..

    RispondiElimina
  5. Ah...ah...ah...
    Ma questo è un blog collettivo, mica mi posso permettere di cancellare tutto con un click. E poi perchè mai? Intendevo dire che basta poco in un senso e in un altro.
    Guarda io potrei anche avviarlo, ma è preferibile che tu faccia da sola.:-)

    RispondiElimina
  6. Ho preso nota: domenica mi farò aiutare da mio figlio.
    Ottime queste segnalazioni.
    Sid

    RispondiElimina
  7. Il consiglio è validissimo...a riuscirci! Va bbe, come Epitteto mi farò aiutare da mio figlio o dal miop nipotino di 6 anni!!!!

    RispondiElimina