martedì 14 aprile 2015

Salotto di Marzo/Aprile 2015


BESTSELLERISTI
In Italia, tra novità e ristampe, mediamente si pubblicano 60-65mila titoli all'anno. Otto su dieci non arrivano neppure in libreria, e i due rimanenti - se non hanno la fortuna di essere firmati da bestselleristi televisivi, quindi non più di una trentina a stagione - stanno sui banconi massimo 15 giorni (le vetrine sono appannaggio dei suddetti bestselleristi, più qualche «caso» editoriale del momento). E dopo? Dopo c'è l'oblio.
(font:varie dal web) 




Pappagallo ermetico

Un Pappagallo recitava Dante:
"Pape Satan, pape Satan aleppe...".
Ammalappena un critico lo seppe
corse a sentillo e disse: - È impressionante!
Oggiggiorno, chi esprime er su' pensiero
senza spiegasse bene, è un genio vero:
un genio ch'è rimasto per modestia
nascosto ner cervello d'una bestia.

Se vôi l'ammirazzione de l'amichi
nun faje capì mai quelo che dichi.

(Trilussa)





DRM a tempo
(Digital Rights Management)

Il nostro primo televisore di casa funzionava un po’ come il Juke box, infilavi la moneta da cento lire nell’apposita cassettina e questa restava accesa per un‘ora, era una primitiva forma di acquisto rateale. Quando avevi finito di pagarla ti toglievano la gettoniera e il televisore restava tuo. Oggi hanno inventato gli eBook a tempo. Tu prendi in prestito o a pagamento, (qualcuno che tira fuori i soldini per i diritti d’autore, a monte o a valle ci deve essere altrimenti questi sistemi che li inventano fare?) un libro digitale da una libreria online, e dopo due settimane questo PLOP… scompare dal vostro computer.


Il software che gestisce la protezione degli eBook si chiama “Adobe DRM a tempo”.
In realtà gli eBook che si scaricano hanno sempre una protezione DRM, non sono link duplicabili, ma non solo, quando effettuiamo il down load, il numero di matricola del nostro PC viene memorizzato, insomma, ci prendono il numero della targa.  Il link è sempre personale e non si può trasmettere, modificare o duplicare in nessun modo.
Le biblioteche pensavano così di aver risolto il problema del “prestito”, ma si sbagliavano. Adesso in internet è possibile scaricare un programmino Anti Adobe DRM che se applicato correttamente disattiva tutte le protezioni del prodotto digitale.
Se sia illegale o meno non ve lo so dire, ma sono in molti a sostenere che anche i DRM, non abbiano ragione di esistere nel digitale.

(frame marzo 2015)




A propos de femmes:

L'uomo perdona e dimentica, la donna perdona solamente.
Philippe Gerfaut

La donna è per natura più capace di sacrificio. La nonviolenza, perciò, le risulta più facile.
Gandhi

E' tanto bello appartenere a una donna, darsi a lei, non è
la stessa cosa che tu chiami "essere innamorati", e che un pochino schernirsi. Non è da schernire. Per me è la via che conduce alla vita, al senso della vita.
Herman Hesse


Il cuore di una donna è sfuggente come una goccia d'acqua su una foglia di loto.
Proverbio cinese

Ci sono certi sguardi di donna che l’uomo amante non scambierebbe con l’intero possesso del corpo di lei. Chi non ha veduto accendersi in un occhio limpido il fulgore della prima tenerezza, non sa la più alte delle felicità umane…
G. D’Annunzio

Noi siamo poeti ma la donna è la poesia; amiamo, ma non è essa l'amore? Ci seduce la virtù? essa è la virtù. In essa è la fede, in noi il dubbio; quindi in noi quel quel concitato bisogno di perseguitare, indagare, discutere; in essa una pace serena; è per la filosofia il nostro culto, il suo è per la religione.
G. Gattaneo

Quando si bacia una donna sugli occhi, sopra le palpebre, si prova una sconcertante tenerezza, come se si baciasse il petto di un passerotto inquieto, di pelle fine e delicata, e con un cuore caldo e palpitante.
Ramòn Còmez de la Serna

È forse impossibile trovare una donna veramente sincera, che non finga. Ma per la stessa ragione le donne scoprono facilmente la finzione altrui, e non è consigliabile tentare di ricorrervi nei loro riguardi.
Arthur Schopenhauer

Che cosa sarebbe l'umanità, signore, senza la donna?" "Sarebbe scarsa, signore, terribilmente scarsa".
Mark Twain

"Solo la donna ci insegnò ad amare. La radice della vita affonda in lei. La donna è come un albero che è tutt'uno col frutto. Nel suo profondo riposa l'amore eterno, nato con lei, cresciuto con lei, che muore e risorge con lei."
G. Groddeck

reblog: da Salotto marzo 2013

13 commenti:

  1. Questo giorno non cambierà le cose nel mondo, ma è un segnale positivo, insomma, si potrebbe fare di più, ma pensiamoci da domani. Oggi festeggiamo.

    ps:
    Non tutte le donne ci tengono a ricevere gli auguri in questo giorno, ma per coloro che apprezzano, e non si offendono, mando un abbraccio e un saluto cordiale.
    Ciao a tutte
    Franco

    RispondiElimina
  2. Come donna ti ringrazio: a me piace festeggiare, lo trovo positivo.

    RispondiElimina
  3. DRM a tempo

    Sono decenni che si è instaurata una battaglia fra chi fa protezione e chi cerca di abbatterla; probabilmente la soluzione potrebbe essere quella di abbassare i prezzi, in modo da non rendere più appettibile raggirare per ottenere lo scopo.
    Fra l'altro la cultura dovrebbe essere un bene offerto in maniera raggiungibile per tutte le tasche.

    RispondiElimina
  4. DRM a pagamento. Mi pare sacrosanto. La roba prestata va resa, sia che si tratti di prestito gratuito o oneroso.
    Io anzichè limitarmi alla cancellazione del testo prestato metterei un programma che, se il testo non viene pagato o reso, distrugge tutti i testi dell'e - reader. Una roba stile "Mission Impossibile", insomma.

    RispondiElimina
  5. Insomma Rubrus, una sorta di Fahrenheit 451 aggiornato all'oggi...
    SIDDHARTA

    RispondiElimina
  6. ahaha... Bradbury è un grande. Be' il discorso sull'abbassare i prezzi in realtà è assai complesso. Con enormi semplificazioni osserverei quanto segue: da che mondo è mondo artisti e uomini di cultura hanno sempre avuto il problema di sbarcare il lunario (come tutti, del resto). Se studio o leggo o scrivo non zappo la terra, quindi ci deve essere qualcuno che la zappi al posto mio e io poi devo poter pagare le rape che lo zappatore ha fatto crescere mentre io leggevo. Per consentire agli uomini di cultura di sopravvivere è necessario, perciò, che essi guadagnino quanto basta. Perchè guadagnino è necessario che la merce da essi venduta abbia un prezzo ed è necessario che quel prezzo non sia troppo basso.

    RispondiElimina
  7. Per me è una battaglia di retroguardia persa in partenza.
    Ormai niente potrà fermare l'appropriarsi di tutto da parte di tutti.
    Ci vorranno altre soluzioni, altri compromessi, la questione è un magma in movimento...
    SIDDHARTA

    RispondiElimina
  8. mmm.. sono convinto che nessun fenomeno sociale sopravvive su larga scala senza una solida base economica.
    Uno degli ultimi esempi è la controcultura degli anni '60, ma se ne potrebbero fare tanti.
    Certo, tutti si appropriano delle chiacchiere altrui, ma è sempre stato così.
    Una canea di dilettanti allo sbaraglio (nel novero dei quali mi metto, per carità) non fa nè può fare nè arte nè scienza.
    Se così fosse allora, per esempio, tutta la poesia "modernista e infuturata" (per usare parole tue) che trovi sul web sarebbe poesia, ma mi pare che tu non la pensi così ;-).


    RispondiElimina
  9. Trilussa è una favola. Si potrebbe sintetizzare così questo grande poeta fustigatore di costumi che usava "favole" e personificazioni di animali per mettere alla berlina le magagne umane: castigat ridendo mores non fu mai più appropriato attraverso lui.

    RispondiElimina
  10. Naturalmente agli Amici che ci tengono porgo anch'io i migliori auguri pasquali.
    Siddharta

    RispondiElimina
  11. Buona Pasqua a tutti gli amici, anche a quelli che non ci tengono :-))))

    RispondiElimina
  12. Grazie, io ci tengo e ricambio gli auguri estendendoli a tutti gli amici del blog.

    RispondiElimina
  13. Su < bestselleristi >:
    Quando visito unsa libreria, travolto dalle novità sono sempre combattuto da due istinti: comperare tutto o frenarmi per una scelta più ponderata.
    Di solito esco in stato confusionale, senza alcun acquisto...
    Siddhata

    RispondiElimina