mercoledì 22 aprile 2015

Poesie nella rete : Io di parole sono a dieta stretta

Io di parole sono a dieta stretta
Scritto da © roberto caterina - Mer, 22/04/2015 - 07:54
clicca qui:  Rosso Venexiano


Io di parole sono a dieta stretta
Sillabe poche, verbi non conditi
Un’insalata di tempi ritriti
E per dessert sospir di paroletta

Muto di giorno pria ch’io ben connetta
Un sì un no di notte dal sen fuggiti
Sanno tener a bada gli occhi arditi
Servir padroni e pia donzelletta

Ma cerco quella più dolce parola
Ch’al Vostro cor esprima meraviglia
A mente mia legando il tempo andato

Amor che a noi destina il verbo amato
Sa che stupir si può una volta sola
E a me in silenzio di tacer consiglia

4 commenti:

  1. Sì, sono d'accordo, conviene sempre stare zitti :-) Sulle poesie poi, meglio non pronunciarsi.

    RispondiElimina
  2. complimenti, oltre che per il contenuto, anche per la forma, pre-novecentesca, tra Pascoli e i crepuscolari, ma con calchi quasi danteschi...

    RispondiElimina
  3. La trovo deliziosamente simpatica questa poesia.

    RispondiElimina
  4. Sonetto appesantito dal vezzo delle maiuscole e diminuito dalla punteggiatura assente.
    La metrica rimata costringe talora a forzature di significanze.
    Siddharta

    RispondiElimina