mercoledì 28 ottobre 2015

Blogroll di casaframe - Egregio Franceschini, pensi al calcio piuttosto - di Claudia Lamma su: VITA DA EDITOR


VITA DA EDITOR
Al Signor Ministro per i Beni e le Attività Culturali
On. Dario Franceschini
Via del Collegio Romano 27 – 00186 Roma
Oggetto: La letteratura come sport di massa
... e se in Italia d’ora in poi l’editoria funzionasse come il calcio?
Egregio Ministro,
le scrivo questa mia perché credo di poter dare un contributo per rimediare a un problema incancrenito: lo scarso interesse degli italiani per la lettura. Penso di avere trovato una soluzione che potrebbe non solo risollevare le sorti del settore, ma contribuire anche, e in larga misura, alla ripresa economica del nostro Paese in questa fase di profonda crisi globale...

9 commenti:

  1. Ben detto Claudia!

    Anche ben scritto... che non è mai un dettaglio trascurabile.

    RispondiElimina
  2. Io direi ottimo: una prosa fantasiosa e scorrevole, nonché precisa nei dettagli. Franceschini dovrebbe tener conto dei tuoi suggerimenti argomentati con tanto brio.
    Secondo me sarebbe una svolta epocale da portare ad esempio a livello internazionale e, poi, vuoi mettere che salto di qualità sarebbe per questa italietta così mal popolata. :-)

    RispondiElimina
  3. Grazie. L'intenzione era quella di far riflettere su alcuni argomenti che ritengo abbastanza importanti per quanto concerne "l'aria che si respira in Italia" in ambito letterario ed editoriale, senza però abbandonare l'ironia che serve a stemperare certe discussioni e ad evitare certi "ismi" che credo distraggano dall'atto pratico da cui non si può prescindere, in nessun campo, se si vuole modificare le cose.
    Per atto pratico intendo una volontà del fare che metta insieme i pezzi, che non favorisca la chiusura in circoletti che sono i ranch delle case editrici, la cui grandezza varia a seconda della potenza della casa. Un circuito che combini novità e big, con una selezione più rapida ecc.. ecc.. ecc..
    Quello insomma :)

    RispondiElimina
  4. Cara Claudia, tutto tempo perso.
    Come ho già detto altrove l'Italia < è retta sostanzialmente da cretini >.
    Non vorrei che la lettura del tuo pressante appello possa provocare al Ministro un altro malore cardiaco, dopo quello del 2014...
    Sid

    RispondiElimina
  5. No, sia mai :) e poi ha avuto pure lo scompenso di essere un papabile per la carica vacante di sindaco di Roma... Se gli fosse recapitata questa lettera, in questa particolare congiuntura, finirebbe per iperventilare in un sacchetto da pane o si rifugerebbe nel macchione del Grande Fiume Po
    :)

    RispondiElimina
  6. Se l'Italia è retta da cretini quanto sono intelligenti coloro che li hanno votati?
    Il problema dell'Italia non è (ipotesi) di essere sostanzialmente retta da cretini, ma di essere (tesi) sostanzialmente popolata da furbini.

    RispondiElimina
  7. Già, ma col porcellum anche gli intelligenti han dovuto votare i cretini.
    E credo che le cose sostanzialmente non cambieranno.
    Poi c'è il malaffare.
    Persino la Margherita Hack a suo tempo aveva accettato di entrare in lista per portare voti alla sx.
    Ammettendo candidamente che non sarebbe poi mai entrata in Parlamento.
    Se questo non è turlupinare gli elettori...
    Sid

    RispondiElimina
  8. Beh.... se questo non é spirito di adattamento! Sagace il racconto, triste la realtà :-(

    RispondiElimina