lunedì 9 maggio 2016

Pensieri Cinici Quotidiani 2016/26 - Siddharta

A - Il buon aceto.

Ai tempi ho conosciuto Giorgio Gaber ad un concerto.
Era a fine carriera, il fiato corto, ansimante, sudato, non ce la faceva più.
Ecco, penso che anche in poesia bisognerebbe avere il buon senso di ritirarsi in tempo quando si è dato tutto e non si ha più niente da dire.
In fin dei conti l’obbligo di poetare mica l’ha prescritto il dottore.
Su su, fate i buoni, ritiratevi!
Potete sempre fare i critici: anche perché un cattivo vino può talora diventare un buon aceto…



B – Sprechi alimentari.
Famiglie, ristoranti, negozi, supermercati, ortomercati, tutti a disperdere cibo commestibile nella spazzatura.
Il tutto poi nelle discariche inquinanti.
In Francia è stata introdotta recentemente una legge antispreco alimentare, con voto unanime del Parlamento.
Con pene severe, fino a due anni di carcere e multe salate.
Peccato, per ora, solo per la grande distribuzione organizzata con spazi superiori ai 400 mt.  

C – Il divino.
Poesia, musica e matematica come espressione del divino.
Manifestazioni dell’eterno oscillare ritmico dell’immanente, rimedi al disequilibrio dell’anima in movimento tra spazio e tempo.

D – Momenti.
In gioventù e maturità mi sono sempre mosso indaffarato e turbolento.
Ora per contrappasso la vecchiaia mi sorprende immobile nel chiuso di una stanza tappezzata di libri e di ricordi.

SIDDHARTA

6.5.2016

5 commenti:

  1. A) e se dicessero cose antiche in modo nuovo, adatto ai tempi? insomma, io sarei prudente nel trinciare giudizi. A calcare troppo la mano ci espone alla critica neopositivista di Popper: "Se non capisci, taci". Non la condivido, per la cronaca. Il diritto di dire "non capisco" è sacrosanto... però "io" non capisco. Magari qualcun altro sì.
    B)... be', quanto costerebbe controllare casa per casa?
    C) boh.. può essere: non sarò certo io a dir di no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho i miei dubbi che un antico sappia beneficare il nuovo, magari dopo uno scarto di decenni.
      Nemmeno Gesù se oggi resuscitasse probabimente farebbe bene ai tempi: il comunismo marxista, fiorito come religione laica, ha fallito miseramente...
      La tecnologia scientifica quando ci si mette è capace anche di grandi disastri.
      Sid

      Elimina
  2. Sono in molti e in tutti i settori a non comprendere quando è il momento di fare le valigie e togliersi di torno. Si va dallo sport, vedi il caso Totti, alla televisione con quel Maurizio Costanzo che non vuol capire che il tempo suo è finito. E che dire di Berlusconi al Milan? E di qualche attore decrepito che per carità cristiana non voglio nominare? Tra i cantanti poi è un film dell'horror, girano certe mummie... c'è da domandarsi come facciano a a stare in piedi e a respirare e hanno la pretesa di salire sul palco con quelle facce da incubo tutte rifatte. Ma per favore... a casa... mandiamoli a casa.

    RispondiElimina
  3. Oh... guardiamo anche vicino e mica appena ai V.I.P.ssss: quanta gente conoscete che "ecco, è andato in pensione, era ora di godersela ed è schiattato" oppure "ma chi glie lo fa fare a quell'età di continuare a lavorare, invece di lasciare il posto ai giovani?". Lo fanno per i soldi? sicuro. Ma altrettanto sicuro che molti di loro diranno "lo faccio per sentirmi vivo, lo faccio perchè non posso farne a meno" e saranno in gran parte sinceri ("ecco, appena andato in pensione è schiattato").

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ("ecco, appena andato in pensione è schiattato"), qualche volta succede, e qualcheduno non ci arriva neppure… però c'è pure chi la pensione se la gode e continua alla grande.

      Elimina