lunedì 16 maggio 2016

Pensieri Cinici Quotidiani - 2016/28 - Siddharta

A - Tecnologie immersive.
La Vr, la Ar ( Augmented Reality ) e la Subistitutional Reality sono tecnologie immersive che alterano la percezione del reale e del sé.
Le conseguenti modificazioni ambientali incidono sugli stati psicologici ed emotivi dell’individuo.
Le condizioni allucinatorie virtuali tendono a persistere anche dopo l’uso dei gadget incriminati.
Rendendo necessario l’intervento congiunto delle neuroscienze ( psicologia, sociologia, biologia, filosofia, ecc. ) nella definizione ed uso di tali avatar virtuali.


B – Prima era meglio.
A mio parere col politeismo del passato si stava meglio.
Se un dio vendicativo ti mandava una disgrazia, si poteva sempre sperare nel soccorso di un altro dio amico misericordioso.
Nelle civiltà antiche la cosa era ricorrente.
Col monoteismo le cose sono peggiorate.
Se il dio unico, assoluto e trinariciuto ti prende in sinistro verso, sei spacciato.
Non si sa più a che santo votarsi…
Ecco, forse una via di fuga esiste: non credere in nessun essere soprannaturale.
Almeno sai di poter mandare taluno a quel paese, senza intrusioni e ritorsioni metafisiche. 

C – Distruzione.
La vita è comparsa sul nostro pianeta quattro miliardi di anni fa, cominciando a differenziarsi.
L’uomo è sceso dagli alberi da circa 11-12 milioni di anni.
Da allora la sua natura di capobranco riproduttivo non è mutata per millenni.
Poi il contratto sociale l’ha evirato in cambio di stabilità e sicurezza individuale e di gruppo.
Ma per loro natura uomo e donna non sono monogamici.
Tantè che oggi i loro legami coniugali e non sono andati sfilacciandosi, riprendendo ciascuno alquanto le redini della reciproca libertà.
Anche se a caro prezzo.
Con l’uguaglianza socio-economico-giuridica e il progresso della scienza ( ormai le donne  riprodurranno senza maschio ) è cominciata la guerra dei sessi e a breve si ammazzeranno senza pietà, distruggendosi a vicenda.

SIDDHARTA

15.5.2016

6 commenti:

  1. Errata corrige in C): < Tant'è >.
    Sid

    RispondiElimina
  2. C) In realtà è discusso. Presso alcune società più antiche esisteva il matriarcato, è provato che le donne scelgono il partner con maggiore oculatezza, anche per non trovarne uno che poi le abbandona col fardello della prole - e comunque la tesi secondo la quale "l'uomo è cacciatore" seppur non priva di fondamento mi sa un po' di scappatoia.

    RispondiElimina
  3. Anche l'uomo ci tiene alla prole, se non altro come fattore naturale per trasmettere la discendenza (e si presta buon appiglio come scusante…). :-))

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veronica, chiunque tu sia, perchè hai cancellato il commento?
      Avrei voluto risponderti, peccato.

      Elimina
  5. Veronica, un bel nome, non c'è che dire.
    Mi ricorda la mia gioventù!
    Sid

    RispondiElimina