domenica 16 ottobre 2016

Pensieri Cinici Quotidiani 2016/46 - Siddharta

A – Giudizi e consigli.

Sovente nei commenti letterari ( poesie, racconti, ecc. ) mi sono imbattuto in consigli dati agli Autori in ordine al testo in lettura, financo ad operarne di fatto il rifacimento.
Ho sempre gridato al tradimento: i consigli ( < se fossi in te >, < a mio modesto parere >, ecc. ) non sono altro che giudizi presuntuosi travestiti da finta modestia.
Molto meglio andarci giù duro e prendersi l’onere-responsabilità di un giudizio chiaro e netto, piuttosto che la viltà di sottacere il proprio pensiero contrabbandandolo da suggerimento.
Certo che così facendo si rischiano guerre a non finire.
O è meglio il savoir-faire di classica memoria?


B – Il metodo Singapore.
Le classifiche OCSE indicano in quelli di Singapore i migliori studenti al mondo in matematica.
Grazie al metodo Singapore nell’insegnamento e apprendimento di tale materia.
Tanto che nella metà delle scuole elementari del Regno Unito ( UK ) ci si appresta ad adottarlo.
Peccato che al riguardo non esista nessun nuovo metodo didattico, ma solo i vecchi funzionali sistemi educativi di sempre: disciplina, addestramento, ambizione e orgoglio di emergere degli studenti e familiari.
Tra l’altro con competizione scolastica al limite del lecito: chi ce la fa viene applaudito, altrimenti deriso in classe.
Da non dimenticare poi che colà si tratta di aree sociali disagiate altamente competitive al fine di emergere dalla massa: dieci-dodici ore al giorno di studio; chi non ce la fa, anda, in miniera a estrarre carbone!  

C – Illusioni.
Anthony Kenny ( 16.3.1931 ), filosofo, teologo ed educatore britannico, agnostico e non ateo, scrive: < Credo che la vita umana individuale finisca con la morte corporale e che la speranza di sopravvivere alla morte o di poter vivere una vita ultraterrena in una diversa dimensione esistenziale siano illusorie >.
E se lo dice un capoccione… 

SIDDHARTA

16.10.2016

5 commenti:

  1. A) Cioè... meglio la vera maleducazione? Il buzzurro (che merita solo di essere mandato a pascolare le pecore) contrabbanda per sincerità solo la propria cafonaggine e la propria sconfinata presunzione di essere investito del Sacro Verbo. Al che non resta che rispondergli che è un tanghero cafone e borioso (esistono tanti insulti senza ricorrere al turpiloquio) dotato di scarsa autostima - scatenando così ulteriori controversie ("flame" in gergo informatico) - oppure, meglio ancora, ricordarsi che raglio d'asino non vola in cielo e immaginarselo a rodersi il fegato e la bile perchè il suo vacuo rosicare non ottiene la benché minima attenzione.

    B) Se sono i migliori vuol dire che funziona. Metodo sperimentale no?

    RispondiElimina
  2. A) Ho sempre apprezzato i consigli,ovviamente non li ho seguiti tutti anche perché alcuni non mi sembravano sinceri, ma erano detti sempre con molta educazione. Dal canto mio , se richiesto, ho contribuito sempre con sincerità e soprattutto ho sempre esortato a non smettere di scrivere.

    RispondiElimina
  3. B). Sembra un buon metodo anche a me e poi c'è lo spauracchio della miniera che essendo di carbone è un buon propellente per riuscire nello studio.

    RispondiElimina
  4. C) Un pò contraddittorio per essere credente. Io da piccola credente non perdo tempo a chiedermi come sarà, amo le sorprese e Dio che conta ad uno ad uno perfino i miei capelli, lo sa.

    RispondiElimina
  5. C) se dice "credo" non è agnostico. Dalla "Treccani": Agnostico = chi non prende posizione in ambiti di vario genere. O non conosce il significato della parola "agnostico" (e allora non è tanto capoccione) oppure mente sapendo di mentire.

    RispondiElimina