mercoledì 16 novembre 2016

Pensieri Cinici Quotidiani 2016/54 - Siddharta

A – Ossessioni.

L’egocentrismo, il narcisismo, la disperata ricerca di autostima, ecc. indulgono a ossessioni compulsive come l’uso diuturno del telefonino, lo sbarco nei social, l’onnipresenza in rete, l’esplosione dei selfie, l’apparire sui media e tanto altro.
Praticamente la fotografia di tutti noi a riprova dell’esistere e di contare nel vuoto esistenziale.
Tutta una ricca materia di studio per le neuroscienze e le scienze cognitive che stanno prosperando alla grande tra le malattie neurologiche e psichiatriche dell’oggi.

B – LIS.
La lingua dei segni ( acronimo LIS ) è un vero e proprio linguaggio usato per comunicare pensieri, identità ed emozioni tra e con persone sorde.
Un sistema codificato di segni delle mani, del volto e del corpo.
Quindi non solo gestualità, ma una vera e propria lingua con forme, lessico, regole, sintassi, ecc. autonomi.
E come tale con specificità culturali ambientali e continuo aggiornamento nel corso del tempo.
Un diritto individuale e sociale quindi la LIS, in via di riconoscimento ufficiale nelle varie legislazioni nazionali.

C – Trapianto di testa.

Davide Vannoni s’era impegnato coi giudici italiani a bloccare la sperimentazione del metodo stamina in Italia e all’estero.
In cambio della sospensione della pena.
Ora il sullodato è invece sbarcato in Georgia ( Russia ) dove sta somministrando il suo trattamento < rivoluzionario > ai ricchi epuloni del posto e altrove.
Ma questo è niente.
Infatti il chirurgo torinese Sergio Canavero si è messo in testa di passare alla storia come primo autore del trapianto di testa.
Con successo assicurato del 99%, a suo dire.
Non si sa se con testa propria su corpo altrui, o testa altrui sul proprio corpo.
E ancora, se testa giovane su corpo vecchio, o testa vecchia su corpo giovane.
Un paziente russo affetto da grave malattia degenerativa si sarebbe già messo in lista d’attesa!

SIDDHARTA

14.11.2016

3 commenti:

  1. A) io non ho ho uno smartphone, ma solo uno stupid-phone e non mi sono fatto un selfie in vita mia. Sono sempre stato scettico sulla tecnologia in generale e su internet in particolare. Credo quindi di poter stare relativamente tranquillo.

    RispondiElimina