martedì 29 novembre 2016

Pensieri Cinici Quotidiani 2016/57 Siddharta


A – Per me.
Per me la donna è una creatura nel cui cuore non si entra da cafoni.
Ma in punta di piedi, con discrezione ed eleganza.

B – Secondo lui.
Secondo Dollan Cannell nel documentario inglese proiettato dalla Channel Four nel 2006, ai tempi la C.I.A. avrebbe architettato 638 modi per uccidere Fidel Castro, morto invece ultra novantenne di morte naturale!

C – Hanno detto.
< La vita potrebb’essere solo starsene seduti in mezzo all’erba, tenere in mano una margheritina senza strapparle i petali, perché le risposte si conoscono già, ovvero sono così poco importanti che scoprirle non vale la vita di un fiore >.
Non ricordo chi lo ha scritto, certamente una donna, dal concetto chiaro anche se esposto in modo alquanto involuto.

D – Il buco nero.
Secondo gli scienziati del cielo, ogni galassia ci ha il suo bel buco nero che tutto inghiotte e poi risputa.
Anche gli uomini nel cervello ci hanno un grosso buco nero che tutto ingolla senza pensare o verificare.
Vomitando il tutto alla rinfusa.
Nessun dubbio quindi anche negli eccessi teologici.
In tanti pronti a uccidersi o uccidere per un dio, o meglio per ciò che minoranze furbastre indicano loro come volere di dio.

SIDDHARTA

29.11.2016

8 commenti:

  1. A) E questo sarebbe un pensiero cinico?
    O forse sì? Boh, ci devo pensare.
    Spero non offenda la fotografia, nel tal caso la sostituisco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per amare una donna ci vuole una buona dose di cinismo...
      Ciò non toglie che delle femmine non possiamo farne a meno e bisogna usare astuzia per conquistarle.
      Se poi plagiati, bisogna allora reagire con forza, da maschi.
      Sid

      Elimina
  2. D) eh sì. A proposito di confusione, infatti, i buchi neri non vomitano nulla, ma inghiottono e basta, tant'è che in passato si è ipotizzata l'esistenza di buchi bianchi da cui dovrebbe uscire ciò che un buco nero, quasi secondo una relazione di corrispondenza biunivoca, ha inghiottito. Dei buchi bianchi però non si è mai scoperta traccia. Ciò che viene inghiottito da un buco nero potrebbe quindi finire in un'altra dimensione - l'esistenza di più dimensioni oltre alla nostra, cioè del cd "multiverso" è stata ipotizzata da molti; qualcuno si è spinto a stimarne il numero, mentre secondo altri sono infinite - "altra dimensione" che, con la nostra, non comunica, un po' come - e infatti lì la SF si è sbizzarrita - potrebbe succedere alle nostre identità dopo la morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Rubrus: inghiottono e poi risputano, così dice un famoso astrofisico.
      Non so se un caso isolato, ma ormai ognuno dice la sua come sul sole e l'altre stelle.
      Prima di trascrivere leggo e rileggo per tema di aver sbagliato.
      Il fatto si è che dicono che ad oggi dell'Universo/Universi sappiamo solo il 4%...
      Mi fa piacere pensare che anche lassù ci sia qualcosa/qualcuno che inghiotte e risputa!
      Sid

      Elimina
    2. Che io sappia, Hawking ipotizza che emettano una radiazione cui è stato dato il suo nome e che, se esiste, è incompatibile con altre evidenze teoriche e sperimentali, se si ipotizza che questo sia il solo universo (ti allego l'articolo anche se un po' tecnico: http://www.fmboschetto.it/didattica/buchi_neri/bucner7.htm). Altri invece dicono che di questa radiazione non c'è prova sufficiente. Ultimamente sta apparendo sempre più probabile la teoria del "big rip" che suppone appunto che non ci siano abbastanza materia ed energia nel cosmo per impedirne la dissoluzione (quindi, se presente, la radiazione di Hawking non aiuterebbe in questo senso). Quanto invece ai buchi bianchi - ipotizzati da Einstein e Rosen (e la cui esistenza sta alla base del famoso "ponte") non si è scoperta l'esistenza. La faccenda del 4% invece, è più o meno corretta. Per essere più precisi, solo il 4% dell'Universo è conoscibile, il che non è proprio la stessa cosa. Cioè non è che non conosciamo il restante 96% ma magari un giorno lontano ci riusciremo. E' possibile che ci sia precluso conoscere, proprio per nostri limiti cognitivi (e tanti saluti al principio antropico) quel 96% che è composto da materia oscura - che esiste e che sappiamo interagisce con la materia conoscibile - ed energia oscura, che sappiamo che esiste e basta.

      Elimina
    3. Che vuoi che ti dica, a me i troppi distinguo < mi > distruggono...
      Sono acqua e sapone, uso l'accetta.
      Il fatto poi che il < mostro > dopo tanta indigestione rivomiti il tutto mi fa tanta tenerezza!
      Mah, a breve verrò a giorno di tutte queste questioni per ragioni d'età.
      Peccato che mi sarà impedito di venirtelo a dire...
      Sid

      Elimina
  3. Caro Sid, ti capisco benissimo. Personalmente sono convinto che il mondo sia un posto più strano non solo di quanto immaginiamo, ma di quanto possiamo immaginare, e me ne faccio una ragione.

    RispondiElimina
  4. A) Esistono ancora ? Mi sembra ultimamente vi sia stata una moria di discrezione ed eleganza! Data la mia esistenza serena , ho appeso da tempo le scarpe di velluto che tenevo pronte per chi avesse voluto entrare nel mio cuore. Qualcuno le ha calzate ma titubante e un po' impacciato ha rinunciato proprio sull'ingresso , un altro per il troppo lustro ha preferito un approccio meno luminoso che subito scartai.Sto celiando ovviamente... Mi piace questa dose di cinismo , che sia l'inizio di una nuova era nel bel mezzo di un femminicidio quasi giornaliero? La realtà è che nemmeno la donna vuole più tanta delicatezza e la convinzione di ciò mi giunge da quanto afferma la giovane donna di Messina che dopo essere stata appiccata come una torcia dall'amato , ha per lui parole di difesa e assoluzione.

    RispondiElimina